Superlega, sanzioni FIFA e UEFA | Interviene il tribunale di Madrid

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:35
Tribunale di Madrid:
Florentino Perez ©Getty Images

Il caso Superlega continua ad impazzare in tutta Europa. Arriva anche una sentenza preliminare del tribunale di Madrid che salvaguarda il lancio della nuova competizione 

La nascita della Superlega sta scuotendo dalle fondamenta il mondo del calcio. Tra coalizioni, comunicati ufficiali, smentite, attacchi pubblici e sanzioni ‘minacciate’, la diatriba va ormai avanti da quasi 48 ore e non è destinata certamente a trovare una soluzione definitiva in breve tempo. Tra le comunicazioni effettuate nelle scorse ore da UEFA e FIFA sono state paventate esclusioni e limitazioni ai club fondatori della Superlega ed in particolare ai calciatori coinvolti per quanto concerne Europei e Mondiali. Provvedimenti che però, secondo quanto sottolineato da ‘Reuters’ sarebbero stati già ricacciati indietro dal tribunale di Madrid.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YOUTUBE.

LEGGI ANCHE >>> Superlega, Juventus nel mirino: “Antipatica a tutta Europa! Accuse pesantissime”

LEGGI ANCHE >>> Superlega | Perez nel mirino: attacco del presidente!

Superlega, interviene il tribunale di Madrid: niente sanzioni

Tribunale di Madrid: "Fifa e Uefa non possono bloccare la Superlega"
Andrea Agnelli © Getty Images

Il tribunale di Madrid nello specifico avrebbe emesso una sentenza preliminare che proibisca a UEFA e FIFA di bloccare la nascita della Superlega. L’agenzia ‘Reuters’ inoltre sottolinea come le due massime istituzioni calcistiche non potranno imporre sanzioni a club e calciatori fino a quando il caso non sarà preso interamente in considerazione. Da Madrid quindi, affermano che FIFA, UEFA e federazioni calcistiche associate non dovranno adottare “alcuna misura che proibisca, restringa, limiti o condizioni in alcun modo”. La European Superleague Company SL ha quindi chiesto al tribunale una misura precauzionale per impedire ai vari organismi di compiere azioni contro la stessa competizione nascente. Sono sette i punti attraverso cui il tribunale di Madrid si è espresso sulla questione.