Superlega, UFFICIALE | Duro comunicato della UEFA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:40

Nel post partita di Atalanta-Juventus ha parlato Andrea Pirlo, per analizzare il KO odierno che influisce sulla corsa Champions 

Possibile rivoluzione nel mondo del calcio europeo, con un progetto Superlega che proprio non piace alla UEFA. Il massimo organismo del calcio continentale ha infatti diramato un duro comunicato nei confronti dell’iniziativa spegnendo sul nascere ogni velleità: “La UEFA, la Federcalcio inglese e la Premier League, la Federcalcio spagnola (RFEF) e LaLiga, la Federcalcio italiana (FIGC) e la Lega Serie A hanno appreso che alcuni club inglesi, spagnoli e italiani potrebbero aver intenzione di annunciare la creazione di una cosiddetta Super League chiusa. Se ciò dovesse accadere, ci teniamo a ribadire che noi – UEFA, FA, RFEF, FIGC, Premier League, LaLiga, Lega Serie A, ma anche FIFA e tutte le nostre federazioni affiliate – resteremo uniti nei nostri sforzi per fermare questo cinico progetto, un progetto che si fonda sull’interesse personale di pochi club in un momento in cui la società ha più che mai bisogno di solidarietà”.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YOUTUBE!

LEGGI ANCHE >>> Atalanta-Juventus, tegola per Pirlo | Cambio forzato

LEGGI ANCHE >>> PAGELLE E TABELLINO ATALANTA-JUVENTUS | Zampata Malinovskyi, Alex Sandro fatale

La UEFA ha poi ribadito: “Prenderemo in considerazione tutte le misure a nostra disposizione, a tutti i livelli, sia giudiziario che sportivo, al fine di evitare che ciò accada. Il calcio si basa su competizioni aperte e meriti sportivi; non può essere altrimenti. Come annunciato in precedenza dalla FIFA e dalle sei Federazioni, ai club interessati sarà vietato giocare in qualsiasi altra competizione a livello nazionale, europeo o mondiale, e ai loro giocatori potrebbe essere negata l’opportunità di rappresentare le loro squadre nazionali”.

In chiusura: “Questo persistente interesse personale di pochi va avanti da troppo tempo. Quando è troppo è troppo”.