Polemiche Var in Juventus-Napoli e Inter-Sassuolo: “Calcio in mano agli arbitri”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:27
Juve-Napoli e Inter-Sassuolo polemiche var: Damascelli contro gli arbitri
Mariani ha arbitrato Juventus-Napoli ©️ Getty Images

Polemiche furiose per i rigori non concessi in Juventus-Napoli e Inter-Sassuolo: questo il parere del giornalista Tony Damascelli

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

Ieri si sono giocati due recuperi della Serie A, con la vittoria della Juventus contro il Napoli e l’Inter che ha battuto il Sassuolo. Tre punti importanti per i bianconeri di Andrea Pirlo nello spareggio Champions League, mentre i nerazzurri di Antonio Conte hanno messo una serissima ipotetica sulla conquista dello scudetto, dopo nove anni di vittorie incontrastate del club presieduto da Andrea Agnelli. Ma a far discutere, e non poco, sono state le decisioni dei direttori di gara delle due sfide: Maurizio Mariani a Torino e Massimiliano Irrati a Milano. Tre i rigori non concessi che, agli occhi degli addetti ai lavori, sono sembrati netti. In primis, quello per il fallo di Hirving Lozano su Federico Chiesa, poi lo sgambetto di Alex Sandro su Piotr Zielinski. Infine, la trattenuta di Stefan de Vrij su Giacomo Raspadori, con il gol del 2-0 realizzato da Lautaro Martinez sul ribaltamento di fronte. Una situazione che ha fatto esplodere anche l’allenatore dei neroverdi, Roberto De Zerbi, a fine partita.

LEGGI ANCHE>>>Juventus-Napoli, Pirlo: “Ho commesso degli errori” | Rivelazione sul futuro di Dybala

Polemiche Var, Damascelli: “Calcio in mano agli arbitri”

Sulla questione, è intervenuto a gamba tesa anche il giornalista Tony Damascelli, sulle frequenze di ‘Radio Radio’: “Il Var c’è, ma viene applicato quando ne hanno voglia, perché il calcio è in mano agli arbitri. Quello che è accaduto a Torino e a Milano fa parte di questa situazione”. Parole che, certamente, faranno discutere. Con la tecnologia si pensava di poter smorzare le polemiche, ma le scelte dei direttori di gara continuano a fare, inevitabilmente, discutere.