Calciomercato Milan, Donnarumma spinge per la firma | Cosa manca per la fumata bianca

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:55
Donnarumma Covid
Gianluigi Donnarumma (Getty Images)

Continua la trattativa per il rinnovo contrattuale di ‘Gigio’ Donnarumma, in scadenza il prossimo giugno con il Milan

In attesa del rinnovo, Gianluigi Donnarumma blinda la porta e il primato del Milan. Il portiere rossonero si è opposto da campione a Vlahovic e Ribery nel 2-0 con cui il ‘Diavolo’ ha piegato la Fiorentina e allungato in testa alla classifica. Ulteriori segnali per un Donnarumma sempre più decisivo per il ‘Diavolo’ di Pioli e che si avvicina alla firma sul prolungamento di contratto dopo un’estenuante trattativa.

Per seguire interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale Youtube!

Milan, Donnarumma blinda la porta e prenota il rinnovo: la situazione

Donnarumma, classe ’99 (Getty Images)

Le parole a fine partita del classe ’99 sono chiarissime sul rapporto solido con la società e la volontà di continuare a difendere ancora a lungo i pali rossoneri: “Certo che voglio restare al Milan, il club parlerà con il mio agente, Raiola sa quello che deve fare. Non ci sono assolutamente problemi“. Tutto fa pensare quindi ad una fumata bianca quanto mai più vicina, con i contatti tra le parti che sarebbero stati produttivi nelle ultime settimane come scrive ‘Tuttosport’. Donnarumma potrebbe percepire 7 milioni di euro a stagione, un milione in più rispetto all’attuale ingaggio dell’accordo in scadenza il prossimo giugno. L’unico nodo resterebbe la clausola Champions che Raiola vorrebbe inserire nell’accordo e legata alla qualificazione del Milan per la massima competizione europea.

Un aspetto sul quale la dirigenza di Via Aldo Rossi starebbe ancora riflettendo e su cui potrebbe arrivare il semaforo verde, considerando il rendimento attuale della squadra e un piazzamento tra le prime quattro che sembra alla portata della formazione di Pioli.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Milan, Donnarumma verso la firma | Ma c’è il pericolo Champions