Milan, senza Ibrahimovic mai sconfitto: i numeri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:34
Ibrahimovic Milan fifa
Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)

I numeri dicono che il Milan senza Ibrahimovic sa vincere. I rossoneri possono fare a meno dello svedese. Ecco tutte le statistiche

C’è un Milan anche senza Ibrahimovic. E’ innegabile che la crescita e il cambio di passo dei rossoneri è dovuto soprattutto allo svedese: da quando è arrivato, la squadra di Pioli si è letteralmente trasformata. I compagni, da Leao a Bennacer, passando per Kessie, Calhanoglu e Rebic, stanno riuscendo a dare tutto e il primo posto non è certo un caso.

Per restare aggiornato con tutte le news legate al mondo del calcio e non solo CLICCA QUI

La vittoria di ieri al San Paolo certifica quanto sia cambiato il Milan. Milan capace anche di tornare a vincere un derby. In entrambi i match Ibra è stato decisivo; con la doppietta di ieri sono 22 i gol totali in 30 partite disputate.

LEGGI ANCHE >>> Milan, infortunio Ibrahimovic | UFFICIALE: ecco quanto starà fuori!

Milan, il bilancio senza Ibra

Milan senza Ibra
Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)

Ibra da quando è arrivato, però, non le ha giocate tutte. L’anno scorso è stato fermato da un infortunio, quest’anno dal Covid. In totale le partite saltate sono state 9 e il bilancio è di 7 vittorie, una di prestigio contro la Roma, e due pareggi (uno con la Juve in 10 uomini).

Dando uno sguardo ai numeri vediamo dunque che il Milan con Ibra in campo ha giocato 30 partite, vincendone 19, il 63,7%; senza, i successi, come detto sono stati 7, cioè il 66,7%. Percentuali che non si discostano tanto; 9 sono certamente un buon numero di gare che fa capire che un Milan senza Ibra in campo può anche esistere. E’ chiaro che senza lo svedese è tutta un’altra storia e bisognerà stringere i denti, anche perché Pioli dovrà rinunciare anche a Rafael Leao.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Milan, Galliani non dimentica: “Il gol di Muntari ha cambiato la storia, non avremmo venduto”

Calciomercato Juventus, conferme dalla Spagna | “Vuole andarsene a gennaio”