Calciomercato Inter, dalla Spagna: Eriksen via con lo scambio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:14
Calciomercato Inter Eriksen Real reguilon
Lukaku ed Eriksen (Getty Images)

Dopo appena otto mesi, Eriksen può lasciare l’Inter vista l’idiosincrasia con gli schemi di Conte, il suo cartellino viene valutato 50 milioni di euro

I primi mesi italiani di Christian Eriksen non sono stati certamente da ricordare. Complice anche uno scarso feeling tra le sue caratteristiche tecnico-tattiche e le idee di gioco di Antonio Conte, il fantasista danese potrebbe lasciare l’Inter. Alla ricerca di fondi per finanziare il mercato in entrata, la dirigenza nerazzurra è pronta a considerare offerte durante la prossima sessione trasferimenti. Il cartellino dell’ex Tottenham viene valutato 50 milioni di euro, ma l’ipotesi di uno scambio non si può escludere a priori.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, addio Eriksen | Super colpo da 50 milioni

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, clamoroso Messi | Salta l’affare: Inter e Juve sognano

Calciomercato Inter Eriksen Atletico
Diego Simeone @ Getty Images

Calciomercato Inter, Atletico su Eriksen: prove di scambio

Secondo ‘Don Balon’, ad esempio, in Spagna la situazione del trequartista nerazzurro viene monitorata con molta attenzione dall’Atletico Madrid. Già in passato Diego Simeone aveva segnalato alla dirigenza il nome dell’ex Ajax e ora avrebbe chiesto al club capitolino di tornare alla carica. Vista l’impossibilità di investire troppi soldi nella trattativa, i colchoneros secondo la testata iberica avrebbero intenzione di proporre uno scambio, dando a Conte la possibilità di scegliere il centrocampista di suo gradimento nella rosa, vincolando tuttavia il tutto all’ok definitivo del Cholo. L’altra via potrebbe essere quella di un prestito biennale molto oneroso con obbligo di riscatto, ma è un’ipotesi che non riscuote troppi consensi in seno alla dirigenza nerazzurra, che apprezza molto il profilo di Thomas.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, colpo di scena Suarez | Sfuma per ‘colpa’ di Lautaro