Inter, Conte: “Siviglia più esperto, ma vogliamo vincere”. Poi elogia Godin

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:56
Inter Conte
Antonio Conte (Getty Images)

Il tecnico dell’Inter Antonio Conte ha parlato al sito ufficiale dell’UEFA a due giorni dalla finale di Europa League contro il Siviglia

“Non si può fare ancora un bilancio della stagione perché c’è un’ultima partita da giocare, che per noi è la più importante”. Così Antonio Conte al sito ufficiale dell’UEFA a due giorni dalla finale di Europa League col Siviglia. “Siamo riusciti ad arrivare a questa grande sfida nonostante la piccola delusione di non aver superato la fase a gironi di Champions. Vediamo il bicchiere mezzo pieno, perché quella delusione ci ha permesso di avere un ottimo cammino in Europa League. Credo che questa squadra, con tanti giovani inesperti, ne avesse bisogno. Sarà una partita difficile, giocheremo contro una squadra con più esperienza e che ha vinto il maggior numero di titoli nell’ultimo decennio in questa competizione. Dovremo essere sempre attenti, ma anche giocare la nostra partita con grande entusiasmo e coraggio, come fatto finora. C’è voglia di vincere, di riportare la coppa in Italia e soprattutto desiderio di riportare un trofeo nella bacheca dell’Inter.”.

LEGGI ANCHE >>> Inter, carica Lautaro: “Voglio il primo trofeo! Sempre grato a Conte”

Inter, Conte: “Lukaku ho provato tante volte a prenderlo. Rilancio Godin? Merito tutto suo”

Calciomercato Inter, caso Conte | Avv. Grassani: "Rischia il licenziamento"
Antonio Conte @ Getty Images

LUKAKU E LAUTARO MARTINEZ – “Romelu ho provato tante volte a prenderlo nei miei ex club. Conosco le sue caratteristiche. Invece Lautaro era un giocatore che avevo ammirato in televisione, anche se l’anno scorso non aveva giocato molto. Ho visto le sue capacità e le sue qualità. A mio avviso era inevitabile che lavorando insieme e lavorando molto, si sviluppasse l’intesa tra i due”.

GODIN – “Aveva bisogno di un po’ di tempo per adattarsi al nostro stile di gioco: difendere spingendo in avanti, difendere con cinquanta metri di spazio alle spalle. Ha però avuto la forza, la professionalità e l’umiltà di mettersi a disposizione e di ampliare la sua mentalità e il suo modo di giocare. Il merito di questo suo rilancio è quindi tutto suo”.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Calciomercato Inter, ESCLUSIVO: tutti i retroscena del caso Messi

Calciomercato Inter, da Emerson a Kante e Vidal | Maxi spesa per Conte