Riapertura degli stadi e incentivi alla pubblicità nello sport: le ultime di CM.IT

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:09
spadafora calcetto
Spadafora in diretta Faceboook annuncia le date della Coppa Italia

Il Consiglio dei Ministri ieri ha approvato il Decreto Agosto, nei 109 articoli ci sono anche interventi a favore del mondo dello sport e quindi anche del calcio.

Oltre alla cassa integrazione per i lavoratori sportivi e al bonus per il mese di giugno, c’è un forte sostegno alle campagne pubblicitarie e sponsorizzazioni nello sport che rappresenta una misura importante soprattutto per la Lega Pro e le categorie dilettantistiche.

Tutte le news di calciomercato e non solo: CLICCA QUI!

Serie A finale Coppa Italia

 

LEGGI ANCHE >>> Decreto Agosto, cassa integrazione e bonus per gli sportivi: le ultime di CM.IT

Il credito d’imposta per le sponsorizzazioni

Il «Comitato 4.0», l’associazione nata quest’anno fondata da Lega Pro, Lega basket serie A, Lega pallavolo maschile e femminile, cui si sono aggiunte Lega nazionale pallacanestro (Lnp), Lega basket femminile (Lbf) e la Fidal, ha più volte richiesto il sostegno alla pubblicità nello sport per la ripresa post-pandemia. Nel mondo del calcio il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli si è più volte fatto portavoce di quest’istanza che doveva trovare spazio già nel Decreto Rilancio.

Il testo stabilisce che alle imprese, ai lavoratori autonomi e agli enti non commerciali che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie, incluse le sponsorizzazioni, nei confronti di leghe che organizzano campionati nazionali a squadre nell’ambito delle discipline olimpiche ovvero società sportive professionistiche e società ed associazioni sportive dilettantistiche iscritte al registro CONI operanti in discipline ammesse ai Giochi Olimpici e che svolgono attività sportiva giovanile, è riconosciuto un contributo, sotto forma di credito d’imposta, pari al 50 per cento degli investimenti effettuati, a decorrere dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2020.

Bologna nuovo stadio Dall'Ara

Il primo passo per la riapertura degli stadi

Nel Dpcm emanato ieri, venerdì 7 agosto, c’è il primo passo per la riapertura degli stadi. Il testo stabilisce che dal 1° settembre 2020 è consentita la partecipazione del pubblico a singoli eventi sportivi di minore entità, che non superino il numero massimo di 1000 spettatori per gli stadi all’aperto e di 200 spettatori per impianti sportivi al chiuso.

La presenza di pubblico è comunque consentita esclusivamente nei settori degli impianti sportivi nei quali sia possibile assicurare la prenotazione e assegnazione preventiva del posto a sedere, con adeguati volumi e ricambi d’aria, nel rispetto del distanziamento interpersonale, sia frontalmente che lateralmente, di almeno 1 metro con obbligo di misurazione della temperatura all’accesso e utilizzo della mascherina a protezione delle vie respiratorie.

C’è anche una piccola apertura per eventi sportivi che superino i 1000 spettatori: in questi casi eccezionali il Presidente della Regione o Provincia autonoma può sottoporre specifico protocollo di sicurezza alla validazione preventiva del Comitato tecnico-scientifico ai fini dello svolgimento dell’evento.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Serie A, confronto tifosi-istituzioni per la riapertura degli stadi – ultime CM.IT

Serie A, passo avanti per la riapertura degli stadi: l’annuncio di Spadafora