Calciomercato Milan, colpo Szoboszlai: Pioli decisivo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:07

Il nome di Dominik Szoboszlai non è tramontato del tutto. Il centrocampista magiaro continua a piacere. Decide Pioli

Dominik Szoboszlai fino a qualche giorno fa era il nome in cima alla lista della spesa del Milan, targato Ralf Rangnick. L’addio al tedesco, che non lavorerà nel mondo rossonero né come direttore tecnico né come allenatore, sembrerebbe poter allontanare il centrocampista magiaro dall’orbita del Diavolo ma non è proprio così.

Rangnick era certamente un fattore importante per lo sbarco di Szoboszlai in Italia ma non certo decisivo. Ricordiamo, infatti, che il calciatore del Salisburgo è nei radar del Milan da parecchio tempo: Boban, Maldini e Massara provarono a strapparlo agli austriaci già durante il calciomercato di gennaio.

Ora, magari, le priorità sono altre: il Milan vuole regalarsi un nuovo terzino destro, con il nome di Emerson Royal sempre più caldo, e blindare i calciatori in rosa. Gli agenti di Ibrahimovic, Donnarumma e Calhanoglu vedranno la dirigenza a breve per cercare di proseguire insieme.

LEGGI ANCHE >> Calciomercato Milan, il messaggio di Ibrahimovic: “Mi sto solo scaldando”

Calciomercato Milan, sceglie Pioli

milan pioli Szoboszlai
Stefano Pioli (Getty Images)

Nel frattempo si cercherà di capire se per Pioli, Szoboszlai rappresenti il profilo giusto. Per Elliott può rappresentarlo certamente: giovane, con esperienza e con grandi margini di crescita. La clausola di soli 24 milioni di euro lo rende, poi, non rappresenta un problema.

Il Milan dunque continua a pensare ancora a Szoboszlai, così come lo stesso calciatore, che non smette di mandare segnali. Certo, l”intoppo’ Rangnick rischia di far rientrare la concorrenza ma il classe 2000 solo qualche giorno fa aveva espresso il desiderio di giocare in Italia o in Spagna. Pioli adesso avrà voce in capitolo e se dovesse dare parere positivo, Szoboszlai tornerebbe ad essere un nome caldo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Calciomercato Milan, assalto a Fofana: folta concorrenza transalpina