Juventus, si riaccendono le luci dell’Allianz Stadium | Prove anti-Milan per Sarri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:25

Cristiano Ronaldo e compagni hanno disputato una partitella in famiglia questa sera all’Allianz Stadium. Sarri prepara l’impegno di Coppa Italia contro il Milan

La Juventus prende le misure con la ripresa delle competizioni dopo il lungo stop forzato per l’emergenza coronavirus. Questa sera il gruppo di Sarri si è ritrovato sul prato dell’Allianz Stadium per una partitella in famiglia a ranghi misti (due tempi da 30 minuti), con alcuni giocatori dell’Under 23 e della Primavera aggregati alla prima squadra. Un allenamento per testare le condizioni dell’undici bianconero e provare le soluzioni anti-Milan per il tecnico di Figline, ad una settimana dal ritorno delle semifinali di Coppa Italia contro i rossoneri.

LEGGI ANCHE >>> Coppa Italia, l’annuncio di Spadafora: ecco le date

La Juventus torna allo Stadium: partitella con vista Milan

Sarri e Ronaldo (Getty Images)

La Juve è tornata allo ‘Stadium’ a 89 giorni dall’ultimo match di campionato con l’Inter, lontano dalle telecamere e da occhi indiscreti per preparare l’impegno con il Milan del 12 giugno. Un modo per far respirare nuovamente il clima partita a Cristiano Ronaldo e compagni, con l’impianto torinese che anche tra una settimana sarà vuoto visto che si giocherà a porte chiuse nel rispetto delle disposizioni decise delle autorità. Sarri ha provato il tridente offensivo con Douglas Costa insieme a Ronaldo e Dybala, mentre a centrocampo potrebbe ritrovare una maglia da titolare Khedira. In regia Bentancur favorito sull’uomo mercato Pjanic.

Oltre ad Higuain, alle prese con un risentimento muscolare che rischia di fargli saltare il Milan, assente alla seduta anche capitan Chiellini che sta svolgendo un lavoro personalizzato in questi giorni alla Continassa. Ai due si aggiunge Demiral, che continua con il recupero dal grave infortunio ai legamenti del ginocchio rimediato a gennaio

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, Pjanic al Barcellona: spunta un’altra contropartita