Irrompe anche Guardiola: la Juventus ora è nei guai

Il Manchester City entra di prepotenza nella corsa al cartellino del centrocampista molto stimato dal Football director bianconero Giuntoli

Tanti soldi e l’appeal di Guardiola, il Manchester City può giocarsi sempre questi due ‘assi’ in sede di calciomercato. Il più determinante resta il primo, perché è con un budget praticamente infinito che può fare ciò che vuole. Prendersi il meglio e strapparlo alla concorrenza, e qualche volta ci è andata di mezzo anche qualche società italiana. La prossima potrebbe essere la Juventus.

Juve, Sudakov si complica
Pep Guardiola (LaPresse) – calciomercato.it

Guardiola e i suoi sembrano intenzionati a scendere in campo per Khephren Thuram, il figlio d’arte che fa impazzire Giuntoli oltre che l’Inter. Ma anche il resto d’Europa, specie quella composta da club che non avrebbero problemi a spendere 40 milioni per il cartellino del centrocampista transalpino. Non l’unico, comunque, nei radar dei ‘Citizens’ e delle altre top europe.

Il nome che si affianca a quello di Thuram jr è quello di Sudakov, un anno più piccolo del francese nato a Reggio Emilia ma in egual modo pezzo pregiatissimo del calciomercato attuale e futuro. Lo Shakhtar è bottega cara, anche se adesso un po’ meno a causa della guerra – ancora in corso, ma ormai quasi nessuno ne parla più – contro la Russia. L’asta dovrebbe partire da circa 30 milioni, ma appunto club come il City potrebbero consentire agli ucraini un incasso maggiore.

Juventus, Sudakov obiettivo complicato

Appena visto contro l’Italia nell’ultimo e decisivo match di qualificazione agli Europei, Sudakov è un trequartista adattabile anche al ruolo di mezz’ala ed esterno in un 4-2-3-1. Qualità e pure quantità, il classe 2002 è legato allo Shakhtar fino a giugno 2028.

Juve, Sudakov si complica
Sudakov obiettivo Juve (LaPresse) – calciomercato.it

Sulle sue tracce ci sarebbe anche il Napoli, ma come sottolinea ’90min.com’ adesso per lui è vera e propria bagarre ai massimi livelli del calcio internazionale. C’è mezza Premier, col Manchester City in testa, ma pure Bayern Monaco e Barcellona. Insomma per le italiane, per la Juve nella fattispecie, l’ucraino rappresenta ormai un obiettivo difficilissimi da raggiungere. Ma questo, probabilmente, Giuntoli lo ha scoperto prima di noi.

Impostazioni privacy