Lukaku è tornato in Belgio: ecco cosa sta succedendo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:10

Inter, Lukaku è alle prese con un nuovo infortunio al bicipite femorale della coscia sinistra ed è tornato in Belgio: ecco il motivo

Tornato ad indossare nuovamente la maglia dell’Inter nel match di Champions League contro il Viktoria Plzen (con gol) dopo due mesi di stop, Romelu Lukaku si è rifermato. Il belga, dopo esami clinico-strumentali effettuati all’Istituto Humanitas di Rozzano, ha rimediato un risentimento della cicatrice miotendinea del bicipite femorale della coscia sinistra.

Inter, Lukaku torna in Belgio per curarsi
Romelu Lukaku ©LaPresse

Il giocatore è tornato in Belgio. L’obiettivo? Quello di rimettersi in forma quanto prima per essere a disposizione in vista del Mondiale in Qatar. Lo riferisce ‘Sportmediaset’, che sottolinea come il centravanti sia tornato in patria per un primo contatto con lo staff medico della Nazionale, il tutto in accordo con lo i medici dell’Inter e lì proseguirà le terapie per curarsi. All’inizio della prossima settimana Lukaku si sottoporrà poi a nuovi accertamenti medici in Italia per fare il punto della situazione e solo allora saranno più chiare anche le tempistiche sul suo recupero.

Inter, Lukaku sogna il Mondiale: difficile vederlo in campo prima

L’attaccante classe 1993 sogna di essere uno dei protagonisti dell’imminente Mondiale in Qatar. Vuole esserci al meglio, ma in lui non è ancora tramontata l’idea che il suo 2022 con l’Inter sia finito. Impossibile che sia a disposizione per le sfide contro Juventus e Bologna, ma vorrebbe provare a farcela per la gara contro l’Atalanta, l’ultima dell’anno, in programma a Bergamo alle 12.30 di domenica 13 novembre.

Inter, Lukaku torna in Belgio per curarsi
Lukaku ©LaPresse

Visto però quanto accaduto recentemente, tutti vogliono utilizzare la massima cautela. Certo, Inzaghi sogna di averlo a disposizione per questo finale di stagione, ma tutti vogliono procedere con i piedi di piombo. Con un Mondiale alle porte si vuole evitare un nuovo lungo stop. Serve anche allenarsi con continuità: da qui la forte possibilità di rivedere in campo il belga con la maglia dell’Inter soltanto nel 2023.