Caso ‘Curva Nord’, interviene l’Inter: l’annuncio UFFICIALE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:44

La posizione ufficiale del club nerazzurro dopo i fatti avvenuti durante il primo tempo del match di sabato contro la Sampdoria

E’ stato diffuso pochi istanti fa l’atteso comunicato dell’Inter su quanto avvenuto nel secondo anello verde di San Siro lo scorso sabato. A causa della scomparsa di Vittorio Boiocchi, capo ultras della ‘Curva Nord’ ucciso a Milano, è stato ‘comandato’ al termine del primo tempo a tutti i tifosi presenti di sgomberare il settore.

Caso 'Curva Nord', interviene l'Inter: l'annuncio UFFICIALE
Curva Nord ©LaPresse

Come raccontato nelle scorse ore, però, l’ordine è stato esteso anche a famiglie, donne, uomini, bambine e bambini che non appartenevano alla Curva Nord e che avevano acquistato il biglietto per assistere semplicemente alla sfida di campionato tra l’Inter e la Sampdoria.

Un episodio che è stato ‘denunciato’ pubblicamente da parte dei tifosi nerazzurri che hanno dovuto subire la decisione presa dalla Curva Nord. Un precedente che ovviamente non ha lasciato indifferente il club interista, il quale questo pomeriggio è intervenuto con un comunicato ufficiale per condannare apertamente il comportamento adottato da una buona fetta di tifoseria nerazzurra, promettendo massima collaborazione con le Forze dell’ordine per rafforzare ulteriormente il grado di sicurezza all’interno dello stadio.

Caso Curva Nord, il comunicato ufficiale diffuso dall’Inter

Caso Curva Nord, il comunicato ufficiale diffuso dall'Inter
Inter-Sampdoria, San Siro ©LaPresse

La tanto attesa risposta da parte dell’Inter è arrivata pochi minuti fa come segno di vicinanza e solidarietà verso tutti i tifosi che avrebbero voluto assistere pacificamente alla gara per la quale avevano pagato: “FC Internazionale Milano condanna con fermezza qualsiasi episodio di coercizione avvenuto sabato sera al secondo anello verde dello stadio di San Siro. Il Club che in ogni sede lotta contro ogni tipo di violenza, ribadisce i valori essenziali di fratellanza, inclusione e antidiscriminazione – ed esprime la sua totale solidarietà nei confronti di quei tifosi che sono stati costretti a rinunciare a ciò che tengono di più: l’amore e la passione per l’Inter”.

In conclusione, il club nerazzurro ha ribadito il proprio impegno: “ll Club – che si adopera ogni anno per rafforzare il presidio di sicurezza e di sorveglianza all’interno dello stadio – ribadisce nuovamente la sua totale collaborazione con le Forze dell’Ordine per assicurare la tutela dei diritti dei propri tifosi”.