Agnelli salva Allegri, ma la scelta spacca la Juve: “Gestione fallimentare”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:33

Ambiente elettrico in casa bianconera dopo la sconfitta rimediata in Champions League ieri pomeriggio contro il Maccabi Haifa

Le due vittorie che la Juventus aveva ottenuto al rientro dalla sosta contro Bologna e Maccabi Haifa allo Stadium avevano solamente illuso i tifosi bianconeri. E’ bastato il big match perso malamente contro il Milan lo scorso sabato e la disfatta europea al ritorno contro la formazione israeliana a ridimensionare ancora una volta la squadra di Allegri.

Agnelli salva Allegri, ma la scelta spacca la Juve: "Gestione fallimentare"
Andrea Agnelli e Pavel Nedved ©️LaPresse

Se in campionato la strada rimane ancora molto lunga e vi sarà quindi modo di poter recuperare terreno per rientrare nella lotta per le zone nobili della classifica, il percorso europeo sembra essere quasi definitivamente compromesso. Ai bianconeri, impegnati nel girone con Benfica e Psg, servirebbe infatti un miracolo nelle ultime due giornate per cercare di centrare la qualificazione agli ottavi.

Oltre ad aver devastato l’umore all’interno dello spogliatoio, la sconfitta in Israele ha soprattutto complicato ulteriormente le speranze di passare al turno successivo. La Juve in questo momento si ritrova al terzo posto a tre punti, gli stessi del Maccabi Haifa. A quota 8, invece, Benfica e Paris Saint Germain guidano il Gruppo H dopo il pareggio di ieri sera.

Juventus in crisi, Allegri sotto accusa: “Responsabilità evidenti”

Agnelli salva Allegri, ma la scelta spacca la Juve: "Gestione fallimentare"
Massimiliano Allegri ©️LaPresse

Nonostante la dura batosta in Champions, al termine dell’incontro di ieri il presidente Andrea Agnelli ha ribadito la propria fiducia rispetto all’operato di Allegri. Una mossa non condivisa dal giornalista Mario Mattioli, come spiegato dallo stesso sulle frequenze di ‘Radio Radio’: “Mi aspettavo che Agnelli dicesse qualcosa di più concreto ai microfoni e di più coerente con la situazione. La conferma di Allegri non mi convince, che cosa può fare di più e meglio? Ha avuto campanelli d’allarme e segnali in serie da un mese e mezzo, quando e come pensa di rimediare ai problemi?”.

Mattioli, infine, ha sottolineato le colpe di Allegri, principale responsabile della crisi in questa stagione della Juventus: “Le parole più gravi sono arrivate da Danilo quando ha detto: ‘Non facciamo un metro in più’. Mi sembra che le responsabilità dell’allenatore siano evidenti in una gestione fallimentare della squadra”.