CM.IT | Un sorriso per il Milan: torna in gruppo e vola a Londra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:00

Stefano Pioli riabbraccia una pedina importante. Il giocatore è pienamente recuperato ed è pronto per tornare tra i convocati

E’ stata una giornata pesante per il Milan e i suoi tifosi. Stefano Pioli nelle ultime ore ha perso tre pedine importanti, Saelemaekers, Kjaer e Calabria.

Milan, Pioli recupera Origi
Stefano Pioli ©LaPresse

L’esterno belga e il terzino italiano hanno chiuso il loro 2023. Il centrale danese, invece, dovrebbe rivedersi fra una quindicina di giorni. La lista degli infortunati è davvero lunga: come è noto, anche Alessandro Florenzi e Zlatan Ibrahimovic hanno chiuso il 2022 e si rivedranno col nuovo anno. Fuori causa ci sono anche Mike Maignan, Theo Hernandez e Junior Messias.

Per il portiere bisognerà aspettare ancora una ventina di giorni. Per il francese e il brasiliano, c’è, invece, la speranza di riaverli sabato, contro la Juventus, al massimo per il ritorno di Champions League a San Siro, contro il Chelsea. 

Milan, le ultime da Milanello verso il Chelsea

Milan, Pioli recupera Origi
Divock Origi ©LaPresse

Domani in mattinata si svolgerà l’ultimo allenamento prima della partenza per Londra. Si capirà finalmente chi salirà sull’aereo per prendere parte alla trasferta di Champions League. Oggi, nel pomeriggio, nel frattempo, la squadra si è ritrovata per il primo allenamento settimanale.

La notizia importante, come appreso da Calciomercato.it, è il ritorno in gruppo di Divock Origi. Il belga, ieri aveva lavorato solo in parte con i compagni, oggi per tutto l’allenamento. L’ex Liverpool dopo i tanti problemi, accusati in questo inizio di stagione, si può dunque considerare totalmente recuperato. Un sorriso per Stefano Pioli dopo una giornata davvero da dimenticare. Origi potrà finalmente far rifiatare Olivier Giroud, insieme ad Ante Rebic, che era tornato già contro l’Empoli. Per quanto riguarda Theo Hernandez e Junior Messias solo lavoro personalizzato, che spinge a pensare come il recupero per Londra sia davvero complicato.