Cassano all’attacco su Dybala: “Sceneggiata Inter”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:59

Antonio Cassano scatenato su Dybala: Fantantonio sul passaggio dell’argentino alla Roma dopo l’addio alla Juventus

Ancora un attacco a Paulo Dybala da parte di Antonio Cassano che alla Bobo Tv è tornato a parlare dell’argentino, passato alla Roma in estate dopo la scadenza del contratto che lo legava alla Juventus.

Paulo Dybala ©LaPresse

Antonio Cassano torna all’attacco. L’ex fantasista pugliese, alla Bobo Tv, è tornato a parlare dell’attaccante argentino, grande colpo della Roma di José Mourinho in questa sessione estiva di calciomercato. “Dybala, a 29 anni, viene mandato via dalla Juventus che non ci punta” ha esordito Cassano.

“Le quattro o cinque squadre più forti al mondo non lo prendono in considerazione, nemmeno come riserva. L’Inter lo ha parcheggiato dicendo: ‘Aspetta qui e non ti muovere’. Poi hanno preso Lukaku e lo hanno mandato a casa” ha sottolineato Fantantonio nel corso dell’intervento alla Bobo Tv, specificando che “l’Inter non è mai stata interessata”.

Antonio Cassano ©LaPresse

Dybala alla Roma, ecco cosa ha detto Cassano

“Con tutto il rispetto per la Roma, vai in una buona squadra in Italia. Dybala è un giocatore al di sopra della norma, ma non mi esalta e non mi piace per un determinato tipo di calcio”. Ecco che Cassano si chiede: “Perché non lo hanno preso in considerazione le big? Se l’Arsenal o il Manchester United non lo prendono in considerazione e lo prende la Roma, vuol dire l’idea che avevo su di lui è sempre stata giusta”. 

E ancora: “Se lo va a prendere una squadra che l’anno scorsa è arrivata sesta, ci sarà un motivo. Se l’Inter non lo c**a e tutte le squadre più importanti non lo ca***o, è perché non lo hanno preso in considerazione. L’Inter ha fatto la sceneggiata per aspettare Lukaku, questo lo so per certo. Nemmeno le squadre meno importanti all’estero hanno preso in considerazione Dybala. A 29 anni se uno è forte ti vengono a prendere dandoti il grano. Al pieno della tua maturità. Se lo prende in considerazione solo la Roma, io ho mille dubbi”.

Paolo Siotto