Lecce-Inter, Inzaghi sbotta: “Non rido su questa cosa”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:46

L’Inter conquista tre punti soffertissimi alla prima giornata in casa del Lecce: le parole dell’allenatore Simone Inzaghi

L’Inter esordisce con una vittoria alla prima giornata di campionato. A Lecce i nerazzurri rischiano il flop clamoroso, ma un gol di Dumfries all’ultimissimo secondo salva la squadra di Inzaghi. Che a fatica risponde ai tre punti del Milan.

inzaghi mercato inter lecce intervista

La corsa scudetto si accende subito, così come i tifosi dell’Inter non hanno risparmiato le loro critiche al tecnico nerazzurro. Nel frattempo il mercato resta aperto, con Marotta che ha confermato l’arrivo di un difensore. Lo stesso Simone Inzaghi si è tolto pure qualche sassolino dalla scarpa: “Manca un difensore? Mi fa piacere ascoltarvi e non rido. Non mi va di scherzare su questo argomento. Le altre acquistano ogni giorno, noi finiamo sui giornali solo perché vendiamo e poi saremmo pure i favoriti – ha detto a ‘Sky Sport’ -. La squadra deve rimanere questa. Messaggio alla proprietà? Assolutamente no, ne parlate voi. La squadra è questa, ci manca solo un centrale al posto di Ranocchia e la società sta provvedendo per prenderlo”.

Inzaghi non è contento: “Grandissimo cuore, ma così non si può”

inter inzaghi lecce intervista
Inzaghi © LaPresse

Simone Inzaghi non usa mezzi termini, poi – ai microfoni di ‘Dazn’ – parla anche della partita ma non senza più di qualche riflessione sugli aspetti negativi: “Grandissimo cuore, ma dobbiamo analizzare la partita. Abbiamo fatto un’ottima mezz’ora, dopo quell’intervento su Lautaro ci siamo innervositi tutti, abbiamo perso le misure e non va bene. Abbiamo rimesso in gioco il Lecce, ma una squadra come noi non può portare la partita fino al 94’”. Su Brozovic e il cambio di modulo: “In quel momento senza l’ammonizione Brozo sarebbe stato in campo un po’ di più, ma si è allenato solo ieri, ha stretto i denti. C’è stato un errore sull’1-1 ma stava facendo un’ottima partita, ha avuto un risentimento al polpaccio e ho preferito toglierlo passando a due”.

Nel finale di gara anche la soluzione con tre punte centrali Lautaro, Dzeko e Lukaku. Un tridente che potrebbe anche essere riproposto: “Sì, è un’opzione che potremo vedere, ora ne ho quattro e stanno tutti bene, mi mettono in difficoltà. Prima cosa da migliorare? faremo la solita analisi. Grandissimo cuore, ma una squadra come la nostra deve capire perché è arrivata al 94’ per vincere una partita sbloccata al 1’. La devi chiudere prima. Condizione? Tutti si stanno mettendo alla pari degli altri, ho fatto delle scelte, ora Darmian e Dimarco devono giocare e hanno fatto bene, poi i cambi ci hanno dato qualcosa in più. Lukaku? sono contento, si sta impegnando tantissimo, ha grandissima voglia e disponibilità, è in buone condizioni, lavora tantissimo, è un trascinatore e farà tanti gol”.