TV PLAY | Firmino alla Juventus: “Ecco la verità”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:00

Firmino-Juventus e non solo, ecco tutte le dichiarazioni dell’intermediario Sabatino Durante a Calciomercato.it in onda su Tv Play

Intervenuto a Calciomercato.it in onda su Tv Play, l’intermediario esperto di calcio brasiliano Sabatino Durante ha detto la sua sul possibile approdo alla Juventus di Roberto Firmino, attaccante in uscita dal Liverpool ma oggi titolare nella sfida col Manchester City di Community Shield.

Roberto Firmino ©LaPresse

E’ stato l’entourage di Firmino a cercare la Juventus – ha svelato Durante – perché lui vorrebbe giocare e avrebbe più chance per essere convocato, non so se è una manovra per cercare di avere spazio. Se va in porto l’operazione con la Juventus giocherebbe sempre titolare, ma potrebbe anche essere una mossa per forzare la mano. Credo che la Juventus possa addirittura scendere a 15 milioni con qualche bonus, il giocatore gradirebbe la destinazione proprio per questo motivo”.

Da Marcelo a Di Maria e Lukaku passando per Marotta, ecco le altre parole di Durante a Calciomercato.it in onda su Tv Play:

MARCELO – “Lui vuole giocare e magari con una squadra importante come la Lazio. Il problema è sempre l’ingaggio. Se si fa tanto clamore per Di Maria, non esiste un paragone fra i due giocatori, Marcelo è stato per anni uno dei migliori, da noi farebbe ancora la differenza”.

DI MARIA – “Sì gioca, ma non ha mai vinto un tubo negli ultimi due anni. Marcelo giocava nel Real Madrid e ha continuato a trionfare nella storia recente”.

Sabatino Durante a Tv Play

Durante su Tv Play critica l’Inter: “Che significato ha riportare l’usato Lukaku”

MAROTTA – “Ogni volta che lo vedo mi sento vecchio, me lo ricordo ai tempi del Venezia di Novellino. Sta cercando di fare il meglio in una situazione complicata. La perdita di Dybala non credo sia stata un grande problema per l’Inter, poteva anche non servire. I nerazzurri hanno sbattuto il muso con Bremer, ma non riescono a vendere con le cifre che chiedono. Dunque, sta cercando di fare il meglio in una situazione complicata. Il discorso è a monte, non si rinnovano le macchine usate, Sanchez e Vidal. Io avevo premuto con la dirigenza per Luis Diaz. Dietro si poteva prendere Eder Militao. Oggi ti ritrovi con Sanchez che non vuole andare via, non riesci a vendere Skriniar, non hai portafoglio. Oggi io non lo critico, ma anni fa non andavano confermati. Che significato ha riportare l’usato Lukaku. Con Dzeko sei arrivato alla fase finale di Champions. Metti un giovane, ad esempio Lopez del Lanus”.

BREMER O DE LIGT – “Con me sfondate una porta aperta, era un po’ il modo di giocare che non era giusto per l’olandese. Ha qualità, ma fa 10 falli davanti alla difesa, becca cinque o sei rigori l’anno. Bremer sembra il vecchio difensore italiano di una volta, molto forte sull’uomo, per la Serie A lo preferisco tutta la vita”.