VIDEO CM.IT | Carnevali: “Frattesi-Roma? Il rapporto è ottimo. Su Scamacca non c’è solo il PSG”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:25

Carnevali ha parlato del mercato del Sassuolo ai microfoni di Calciomercato.it: “Scamacca, Frattesi e Raspadori potrebbero partire”

L’amministratore delegato del Sassuolo, presente a Rimini all’evento che ha aperto ufficialmente il calciomercato estivo, ha parlato ai giornalisti presenti: tra questi, c’erano anche i nostri inviati Giorgio Musso e Eleonora Trotta. Di seguito le parole di Giovanni Carnevali riprese dai microfoni di Calciomercato.it.

VIDEO CM.IT | Carnevali: "Frattesi-Roma? Il rapporto è ottimo. Su Scamacca non c'è solo il PSG"
Carnevali (Foto CM.IT)

MERCATO-“Sicuramente inizia nel modo di migliore il calciomercato, perché una location come questa di Rimini al Grand Hotel per iniziare a fare trattative è completamente diversa da quelle in cui solitamente si fanno, come uffici e così via. Qui è qualcosa di molto più piacevole ed è proprio in queste occasioni che con i vari direttori sportivi e addetti ai lavori qui presenti si possono intavolare vari discorsi in modo molto più amichevole. Per cui inizia questo lungo calciomercato, perché durerà per tanto tempo, e inizialmente con poche operazioni. Poi vedremo che succederà”

FRATTESI – “Ne abbiamo parlato con Tiago Pinto? Abbiamo parlato poco, avremo modo magari domani di fermarci con più calma. Dobbiamo vedere un po’, capire un po’ quale è la strategia giusta per entrambi, perché è inutile nasconderlo: Frattesi interessa alla Roma. Diciamo che c’è una differenza tra la nostra richiesta e la loro offerta, però abbiamo un ottimo rapporto con la società e con Tiago Pinto. Il Sassuolo ha fatto tante operazioni di mercato con loro e, proprio grazie a questo buon rapporto, se ci sono le possibilità cercheremo di portare a termine questa operazione con Frattesi”

BERARDI – “Ne abbiamo parlato col Milan? No, non ne abbiamo parlato. Abbiamo parlato di più giocatori e non siamo entrati nello specifico, né con Tiago Pinto né con Massara

SCAMACCA – “In questo momento è il giocatore che forse ha più richieste rispetto agli altri. Degli altri giocatori se ne parla molto, ma non è che ci sia qualcosa di concreto, mentre con Scamacca si. Col PSG ci siamo incontrati un po’ di tempo fa, ora sono una decina di giorni in cui è tutto fermo, mentre si sta muovendo qualche altra cosa nei suoi confronti. Atletico Madrid una possibilità? Io penso di si”

GIOIELLI SASSUOLO – “Quanti ne partiranno? Sicuramente avere giocatori con diverse richieste, giovani e con grandi prospettive, ti gratifica molto. Però nello stesso tempo, abbiamo anche la fortuna di avere una proprietà forte e con la volontà di continuare questo percorso di crescita. L’anno prossimo sarà il decimo anno consecutivo in Serie A per il Sassuolo, per cui qualcosa di veramente straordinario. Una cosa è certa, non andremo a privarci di vari giocatori, per cui nel momento che ne venderemo uno, massimo due, la nostra campagna di cessioni sarà terminata”

RASPADORI – “Non solo per Raspadori, ma anche per tutti gli altri ragazzi, ci sono stati interessamenti ma di concreto non c’è stato nulla. È appena iniziato il calciomercato, non ci sono state ancora grandi operazioni a parte Lukaku che è arrivato in prestito e Pogba a parametro zero, di acquisti veri e propri pochi. Io credo che il Sassuolo sia una delle poche società che non ha ancora venduto ma ha fatto un’acquisto che per una società come la nostra è molto importante. Perché abbiamo preso Alvarez, un investimento da 12 milioni di euro perché crediamo e vogliamo continuare in questo percorso dei giovani. È il sostituto di Scamacca? È un giocatore che può fare più ruoli. Questa è la parte più complicata perché sappiamo che potrebbero partire giocatori di diverso ruolo, Scamacca, Raspadori, Frattesi, per cui bisogna essere bravi e preparati a sostituirli con qualcuno che abbia le qualità. È un puzzle che devi completare e non è così facile. Noi cercheremo di chiudere il mercato in uscita nel più breve tempo possibile”

FAGIOLI E RANOCCHIA – “Non ho mai parlato con la Juventus in questi giorni. Ci possono interessare? Si, sono giocatori bravi, ma bisogna trovare la giusta collocazione. Perché questi giovani devono crescere, se tu non gli dai la possibilità di giocare è inutile averli, per cui non è che se ne possono avere poi così tanti. Magari con queste cessioni che andremo a fare, con qualche società parleremo dei giovani. La nostra politica è questa e non la vogliamo cambiare”