Lazio, il punto sul rinnovo di Sarri: tra clausole e garanzie tecniche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:26

Lotito ha proposto un prolungamento al tecnico fino al 2025 che valuta la proposta

Un segnale alla squadra e a tutto l’ambiente. Claudio Lotito punta forte su Maurizio Sarri. Il patron della Lazio vuole blindare l’allenatore sulla panchina biancoceleste per altri due anni (fino al 2025). L’annuncio era stato dato durante la cena di Natale proprio dal presidente. Da allora non sono arrivate notizie ufficiali, ma Sarri è stato chiaro: “Se arriva, lo firmo”. Qualcuno sostiene che il faldone con tutti gli incartamenti sia già arrivato al “Comandante”. Altri giurano che il tecnico voglia delle garanzie prima di firmare e che nel nuovo contratto ci sarebbero delle clausole. L’unica certezza al momento è che è scattata la scintilla tra Lotito e il mister, che ha già espresso il suo pensiero sulle operazioni da fare in sede di mercato.

Lazio, ufficiale il nuovo sponsor: Sarri pensa al mercato di gennaio
Claudio Lotito © Getty Images

Dopo l’addio di Simone Inzaghi, l’imperatore Claudio ha individuato nell’ex Juventus l’uomo giusto per iniziare un nuovo progetto. Lotito è rimasto affascinato dal modo di fare calcio di Sarri e vorrebbe avviare con lui un ciclo vincente. Il rapporto tra i due ottimo, schietto e senza filtri. Insomma, i presupposti per far bene ci sono. Sarri ha dato delle indicazioni precise. Nel post Inter-Lazio ha parlato anche di giocatori non adatti al suo gioco. Tradotto: il bilancio interno è già stato tracciato. Ora toccherà alla società, alla prese sempre con l’indice di liquidità da rispettare, operare in entrata e in uscita. La speranza era di iniziare il nuovo anno con qualche innesto, invece la rosa è la stessa del 2020, con l’unica eccezione di Escalante tornato in Spagna.

LEGGI ANCHE >>> Lazio, il club compie 122 anni: tutti i festeggiamenti in città

Il ds Tare è al lavoro per rinforzare la rosa. Ai microfoni di Dazn aveva parlato di “occasioni da cogliere” a gennaio.  Più netta la posizione di Sarri “A noi non basta il completamento – le parole del tecnico -. Abbiamo tanti elementi e qualcuno non è adatto al nostro gioco. Siamo in ritardo, dobbiamo intervenire subito perché non basta una sola finestra di mercato. Nella mia idea serve più di un vice-Immobile e un terzino sinistro”. I nomi di Jonathan Burkardt del Mainz e di Nicolò Casale del Verona, accostati negli ultimi giorni, potrebbero piacere a Sarri che sogna Vecino dell’Inter e il vecchio pupillo Allan dell’Everton.