CMIT TV | Capuano: “Discussioni accese in Lega. Ecco cosa deciderà il Governo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:21

Il collega di ‘Panorama’ è intervenuto alla Tv di Calciomercato.it a margine dell’Assemblea di Lega Serie A. Ecco le sue dichiarazioni

“Le discussioni sono state accese. I club sono sulle barricate, ma l’intenzione è chiara: la Serie a non si ferma”. Così Giovanni Capuano alla CMIT TV e a margine dell’importante Assemblea di Lega.

Giovanni Capuano a CMIT TV

A tal proposito, Capuano ha confermato il “malumore di Draghi” rispetto a quanto accaduto lo scorso weekend, preannunciando l’intervento a gamba tesa dello stesso Presidente del Consiglio. Intervento che consisterà in una “nuova chiusura degli stadi oppure di una riduzione al minimo della capienza. E questa – sottolinea Capuano – sarebbe una mazzata per i club, perché immaginare di fare un girone di ritorno con stadi chiusi equivarrebbe ad aggravare ulteriormente la crisi dei nostri club”.

“Stadio zona franca? Non credo a questo – ha risposto Capuano – E’ inimmaginabile però che qualcuno entri negli stadi a dare multe. Penso comunque che il pre-filtraggio degli stadi abbia la sua efficacia. Ora certo, con 200mila contagi al giorno, la situazione è diventata difficile da gestire”.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, UFFICIALE: Allegri sorride, è negativo al Covid

Taormina alla CMIT TV: “De Laurentiis convinto che Juve-Napoli non si dovesse giocare. Su Insigne-Toronto…”

Pino Taormina alla CMIT TV

Ospite della CMIT TV anche Pino Taormina. Il collega de ‘Il Mattino’ ha parlato nello specifico della ‘posizione’ del Napoli in merito al caos Serie A, Asl e così via: “Sinceramente De laurentiis nelle ore che antecedevano Juventus-Napoli era convinto che non si dovesse giocare. Credeva che Asl avrebbe preso dei provvedimenti più forti. Penso che si sia fatto sentire anche all’interno del Governo”.

Chiosa sul mercato azzurro: “Tuanzebe potrebbe essere l’unico acquisto di questa finestra invernale,  ma la società può ragionare su un rinforzo in attacco se Toronto volesse muoversi per anticipare l’arrivo di Insigne“.