CM.IT | Mertens e la sostituzione: spiegazioni chieste a Spalletti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:02

Dries Mertens sostituito al termine del primo tempo: il belga ha chiesto spiegazioni a Spalletti per il cambio

Dries Mertens sostituito al 45′ di Spezia-Napoli. Già solo messa così, potrebbe esser stato motivo di reazioni e pensieri. Il belga, durante la presentazione del calendario partenopeo, aveva definito “strane” alcune scelte dell’allenatore. Se si aggiunge che il suo contratto è in scadenza, allora i sussurri possono iniziare a divenire voci fastidiose.

Spalletti sostituisce Mertens
Spalletti durante Napoli-Spezia @LaPresse

Secondo quanto appreso da Calciomercato.it, al termine della prima frazione della gara con lo Spezia, con i liguri già in vantaggio, Mertens non avrebbe immaginato che Luciano Spalletti lo stesse per tirar fuori dalla contesa. Il Napoli era sotto nel punteggio, le ultime due occasioni del tempo (un dribbling stretto sulla linea di fondo e conseguente.

Tutti elementi che lasciavano presagire un possibile ingresso di Petagna, ma non l’esclusione del record-man di reti della storia partenopea.

Questo è quanto aveva immaginato Mertens: questo il motivo per il quale ha chiesto a Spalletti il motivo per il quale proprio lui dovesse uscire. Un’altra scelta ‘strana’: parlare, però, di distanza o screzi tra Spalletti e Mertens è, ad oggi, semplicemente scorretto.

De Laurentiis riflette sul futuro di Mertens
Aurelio De Laurentiis ©Calciomercato.it

Mertens, dalla speranza di restare al possibile addio

Al momento, per Mertens sono gli ultimi mesi a Napoli. Il contratto scade nel giugno del 2022 e la necessità manifestata da De Laurentiis in più circostanze di abbassare il monte-ingaggi potrebbe anche portare ad immaginare che la fine di una lunghissima storia d’amore che va avanti da quasi un decennio.

LEGGI ANCHE >>> Esplode la tempesta su Spalletti: “Il problema è lui!”

Quello del belga potrebbe esser uno dei vari addii che potrebbero cambiare il volto del Napoli per una rifondazione mai realmente arrivata e sempre rinviata da Aurelio De Laurentiis.