Empoli-Milan, Andreazzoli non ci sta: “Questa partita l’abbiamo vinta noi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:44

Il tecnico Aurelio Andreazzoli ha rilasciato alcune dichiarazioni durante il post partita della gara dell’Empoli persa col Milan

L’Empoli si arrende di fronte al Milan di Pioli, ma lo fa a testa altissima. I toscani hanno subito il poker dei rossoneri, ma la prestazione è stata comunque lodevole. Durante il post partita, ai microfoni di ‘Dazn’, il tecnico Aurelio Andreazzoli ha commentato così il ko: “A me è sembrato che la squadra avesse tentato fino alla fine di fare il suo lavoro ed esserci riuscita. Poi passano i minuti, aumenta l’ansia e affretti un po’ quello che facevi prima“.

Empoli Milan Andreazzoli
Andreazzoli a Dazn

Continua: “I ragazzi sono stati bravi e sono meritevoli di grossi complimenti come ho fatto loro. Ci fa onore disputare così una gara del genere. Credo che non abbiamo ottenuto quello che meritivamo, mentre il Milan ha preso tutto quello che ha costruito, anche se non gliel’ha regalato nessuno”.

CUTRONE-PINAMONTI:Io non chiedo agli attaccanti cose particolari. Penso sia una buona coppia per caratteristiche. Non abbiamo un cliché specifico da seguire. Speriamo sempre che nascano situazione impreviste e imprevedibili”.

LEGGI ANCHE>>> CMIT TV | “Scudetto all’Inter? Il Milan deve crederci, Pioli è il migliore”

Empoli-Milan, Andreazzoli: “I ragazzi l’hanno vinta. Noi ci abbiamo messo più di loro”

Empoli Milan Andreazzoli
Andreazzoli © LaPresse

VITTORIA:Secondo me i ragazzi l’hanno vinta la partita. Se andiamo a vedere le componenti, credo ci abbiamo messo più noi del Milan. Loro sono stati bravi a raccogliere, noi no. Abbiamo costretto il Milan a fare quello che non è abituato a fare, cioè alzare la palla per Giroud. Per una realtà come noi, c’è da essere soddisfatti, questa la metto tra le partite vinte tra virgolette”.

LEGGI ANCHE>>> Napoli-Spezia, Thiago Motta: “Buon percorso. Sul mio futuro rispondo così”

Prima di andare saluto con Spalletti: “Facciamoci gli auguri, che dopo queste partite c’è sempre poco da dire”.