Calciomercato, Inter e Juventus a bocca asciutta: ultimatum e salta tutto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:47

Il mercato dei calciatori in scadenza a giugno 2022 è sempre in grande fermento. A tal proposito arriva l’ultimatum per un difensore accostato a Inter e Juventus 

Le big di Serie A si guardano intorno in vista delle prossime sessioni di calciomercato. Attenzione particolare sui calciatori in scadenza contrattuale a giugno 2022, e dunque acquistabili prossimamente a parametro zero. Situazione di difficile gestione che ben conosce il Chelsea di Thomas Tuchel, che ha diversi elementi importanti con un accordo vicino alla conclusione naturale.

Ultimatum per Christensen: Tuchel vuole il rinnovo
Tuchel © LaPresse

Tra questi anche il centrale danese Andreas Christensen, che non gioca in Premier League dallo scorso 6 novembre contro il Burnley. Sia il club che l’entourage del difensore hanno discusso a lungo sull’estensione del suo soggiorno allo Stamford Bridge.

LEGGI ANCHE >>> ESCLUSIVO | Mancini, non solo lo United: sondaggio Juve

Calciomercato, niente Juventus e Inter: Tuchel spera nel rinnovo di Christensen

Ultimatum per Christensen: Tuchel vuole il rinnovo
Christensen© LaPresse

In Italia Christensen, in caso di addio a costo zero, fa gola soprattutto a Inter e Juventus, pronte ad approfittare di un’eventuale chance di mercato. Tuchel però è fiducioso sul rinnovo e spinge fortemente, anche con un ultimatum, per la firma del difensore danese. Il centrale non gioca da quasi un mese, ma l’allenatore tedesco spera che l’esclusione del 25enne dalla squadra aiuti piuttosto che ostacolare le trattative, credendo che un accordo sia vicino per la permanenza.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, colpo ‘alla Barella’: il piano di Marotta e Ausilio

Alla vigilia della sfida contro il Watford lo stesso Tuchel ha detto “No, è il contrario”, quando gli è stato chiesto se le esclusioni ostacolassero le sue possibilità di un nuovo contratto. L’allenatore teutonico ha sottolineato: “Speriamo che influenzi un po’ la situazione contrattuale. A quanto ho capito la società vuole lo stesso, il giocatore vuole lo stesso, l’allenatore vuole lo stesso: restare. Sta ad Andreas agire. Come si comporta in campo, ha bisogno di agire e parlare perché ci dice che ama il Chelsea. Ci dice che vuole restare perché è una parte importante di un grande club. Penso che sia perfetto e penso che non abbia finito qui. Ma, come ho detto, dipende da lui”.