Psg, Messi a sorpresa: rivelazioni sul futuro e su Sergio Ramos

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:56

Lionel Messi si racconta in una lunga intervista, il fuoriclasse argentino del Psg sorprende per le dichiarazioni sul futuro e su Ramos

Un digiuno lungo e inatteso per uno come lui, che si è finalmente interrotto nella gara contro il Nantes. Lionel Messi si è sbloccato in Ligue 1, trascinando il Psg alla vittoria, l’ambientamento della ‘Pulce’ sotto la Torre Eiffel si è concluso, come racconta lui stesso in una lunga intervista a ‘Marca’.

Messi
Lionel Messi © LaPresse

“Ora sto molto bene – ha spiegato – Va molto meglio da quando io e Antonella (sua moglie, ndr) siamo potuti entrare nella nostra nuova casa e i nostri figli hanno iniziato ad andare a scuola e coltivare una routine quotidiana”. Il Psg è da tutti dato come favorito per la vittoria della Champions, ma Messi non abbassa la guardia: “Abbiamo grandissimi giocatori, ma non siamo gli unici a poter vincere – ha dichiarato – Dobbiamo consolidarci come squadra”.

Psg, Messi tra il ritorno a Barcellona e la ‘sorpresa’ Sergio Ramos

Sergio Ramos
Sergio Ramos © LaPresse

Il suo adattamento nello spogliatoio, dice, è stato buono, con una sorpresa che ha riguardato Sergio Ramos. “All’inizio, dopo una rivalità così lunga, è stato strano trovarselo lì davanti – ha affermato – Ma ci siamo sempre rispettati molto. Oggi, averlo come compagno è uno spettacolo e scopro che è una gran persona. Poco a poco si sta integrando e lo aspettiamo, sarà fondamentale per raggiungere i nostri obiettivi”.

LEGGI ANCHE >>> Grande ritorno in Serie A: occhi in casa PSG

Inevitabili le domande sul Barcellona e su un possibile ritorno. A cui Messi non chiude: “Ho sempre detto che tornerei in qualsiasi momento, è casa mia. Se ne avessi la possibilità mi farebbe piacere aiutare il club”. Su Xavi: “Può dare moltissimo, è un allenatore che ha molte conoscenze. Siamo sempre in contatto, non ricordo cosa ci siamo detti quando è stato nominato, ma sono felice per lui e so che farà bene. Conosce bene l’ambiente e può insegnare molto ai giocatori più giovani”.