CMIT TV | Caso Dazn, Pregliasco: “Scenario difficile”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:02

Lorenzo Pregliasco ha parlato della questione DAZN facendo il punto sull’umore degli utenti nei confronti della piattaforma streaming

Lorenzo Pregliasco ha parlato alla CMIT TV del caso DAZN: “L’impressione è che abbiano dovuto fare retromarcia. La nostra indagine ci fotografa uno scenario difficile per DAZN. Più di 7 su 10 ha avuto problemi tecnici ed in questo contesto l’eliminazione del secondo dispositivo avrebbe reso ancora più difficile la posizione di DAZN nei confronti dei suoi abbonati”.

Pregliasco
Pregliasco alla CMIT TV

CREDIBILITA’ – “La frittata è fatta non lo so, ma credo che le istituzioni si porranno il problema. Gli abbonati hanno il diritto di vedere la Serie A e non sempre è così e la stessa Serie A si farà delle domande”.

ACCORDO – “Il problema è il prezzo, i malfunzionamenti e questa cosa del secondo dispositivo. Nulla impedisce a DAZN di fare un accordo con altre emittenti per condividere i diritti. Da qui ai prossimi due anni e mezzo la possibilità di trovare un’intesa c’è”.

LEGGI ANCHE >>> La replica UFFICIALE di DAZN: “Comportamenti non corretti, ma…”

Futuro DAZN, Pregliasco: “Vanno tutelati i consumatori”

Dazn
Microfono © LaPresse

FUTURO – “Dobbiamo partire da una diagnosi e quella di oggi è che l’attuale sistema ha dei buchi, delle criticità. Come si esce? La soluzione credo che sia nel 90% di utenti che dice vorrebbe la Serie A anche con altri sistemi. Credo che l’esperimento della Serie A in streaming sia avvenuto troppo in fretta. La metà degli utenti, secondo la nostra indagine, non si riabbonerebbe. Solo il 40% si riabbonerebbe alle stesse condizioni ed è significativo. Le istituzioni dovrebbe valutare come tutelare l’interesse dei consumatori”.