Milan-Inter, Pioli annuncia un forfait: “Tornerà dopo la sosta”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:56

Stefano Pioli parla in conferenza stampa prima del derby Milan-Inter: le parole dell’allenatore rossonero

Stefano Pioli parla in conferenza stampa prima di Milan-Inter, derby in programma domani sera e valido per la dodicesima giornata di Serie A.

Stefano Pioli
Stefano Pioli © LaPresse

La stracittadina arriva con i rossoneri in testa alla classifica insieme al Napoli e l’Inter dietro di sette punti. Calciomercato.it vi offre in diretta le parole di Pioli.

SIGNIFICATO -“Abbiamo recuperato energia, la squadra sta bene ed è preparata per giocare bene per fare bene”.

DERBY E IBRAHIMOVIC – “Il derby è sempre il derby, è una partita storica, prestigiosa. L’importante è esserci e sarebbe vincere. Per Zlatan: è un fenomeno, è continua a dimostrarlo. Ha trovato una buona condizione, arriva da una buona prestazione ed è molto motivato per fare bene domani”.

INTER – “L’Inter è favorita perché ha vinto nettamente il campionato scorso, perché sa cosa serve per continuare a vincere. Noi e il Napoli abbiamo fatto un inizio di campionato straordinario ma la Serie A è ancora lunga. L’Inter ha punti deboli e dobbiamo metterli in evidenza. Quali? Proveremo a scoprirli domani”.

FUGA SCUDETTO – “Non può essere decisiva. E’ importante per noi, ma finisce lì: ci darà solamente altri tre punti in classifica, manca ancora troppo tempo”.

FAVORITI PER IL DERBY – “Credo che in queste partite non ci siano favorite. La classifica non conta più: in un derby si parte da 0-0, dobbiamo cercare di fare bene. Serve grande attenzione, determinazione: vogliamo giocarci le nostre possibilità”.

ANDARE A +10 – “Importante ma non può essere decisivo per lo scudetto”.

DIFFERENZE DA ULTIMO DERBY – “Siamo cambiati noi, sono cambiati loro che hanno un allenatore diverso, altri calciatori. Le partite sono difficili da prevedere e difficili da accumunare. Abbiamo il nostro piano e vogliamo metterlo in campo in maniera efficace”.

BROZOVIC – “E’ importante nella costruzione dell’Inter ed è da tenere in considerazione per sporcare l’altro inizio gioco. Vogliamo essere una squadra che non aspetta quando è messa bene, vuole essere aggressiva”.

INDISPONIBILI – “Rebic è recuperato, come Florenzi. Saranno disponibili, come Ballo-Tourè. L’unico fuori è Messias che lo rivedremo dopo la sosta”.

LEGGI ANCHE >>> Correa svela la telefonata: “Non ci ho pensato un attimo” | Poi sfida il Milan

Milan-Inter, Pioli: “Non tolgo nessuno a loro”

Ibrahimovic
Ibrahimovic © LaPresse

NAZIONALI – “E’ un segnale per tutto l’ambiente Milan. Ormai siamo quasi tutti in Nazionale ed è un segnale di crescita: se vogliamo essere forti, dobbiamo avere calciatori forti. Ci sono situazioni in cui possiamo ancora crescita e sono sicuro che ci sarà una ulteriore crescita. Molti sono ragazzi e i ragazzi hanno bisogno anche di sbagliare per crescere”.

CHI TOGLIERE ALL’INTER – “Non tolgo nessuno, punto sui miei: abbiamo le carte in regole per fare una partita cercando di vincere”.

DISCORSO MOTIVAZIONALE  – “Lo faccio tutte le volte che scendiamo in campo. Si tratta di capire quali tasti toccare anche se per domani non credo che il mio lavoro sarà tanto difficili. I ragazzi sono sul pezzo”.

SOGNO – “Bisogna essere coraggiosi. Non è un sogno: se siamo primi è perché lo abbiamo conquistato”.

PUNTI DI RIFERIMENTO – “Sì, Atalanta e i primi trenta minuti della gara con l’Atletico sono le partite da avere come punto di riferimento”