CMIT TV | Juventus, niente illusioni: “Un mediano e forse un bomber”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:48

Alla CMIT TV si analizza il momento della Juventus, gli scenari per campionato e calciomercato non suonano incoraggianti

La Juventus torna alla vittoria, centrando il poker in Champions e la qualificazione anticipata agli ottavi di finale. Missione compiuta per la squadra di Allegri, che ha fatto registrare una prestazione convincente. Ma c’è ancora tanto da lavorare, con scenari non proprio rosei all’orizzonte, come fa notare Filippo Bonsignore, firma del ‘Corriere dello Sport’, intervenendo alla nostra CMIT TV.

Allegri
Massimiliano Allegri © LaPresse

Si tratta sicuramente di un punto di ripartenza, secondo Bonsignore, anche se non sufficiente. “La Juventus è già agli ottavi di Champions e può concentrarsi sulla rincorsa in campionato – ha spiegato – La struttura con due punte e due esterni, potendo variare tra Chiesa, Bernardeschi, Cuadrado, Dybala e altri, sembra quella giusta per le caratteristiche dei giocatori”.

Juventus, allarme sul mercato e in campo: “Casse del club in difficoltà, scudetto ormai andato”

Nedved e Cherubini
Nedved e Cherubini © Getty Images

Occorrerà però qualcosa dal mercato. Con prospettive però tutte da verificare, anche per quelli che sono gli obiettivi sul campo. “Ha sicuramente più senso cedere Ramsey di McKennie – prosegue Bonsignore – Certo l’americano ha riservato sprazzi importanti e mostrato ottime qualità, ma deve trovare la continuità che non ha mai avuto. Sul gallese, mi aspetto che adesso sia lui a spingere per tornare a giocare altrove, restare in panchina o tribuna sarebbe controproducente soprattutto per lui. In entrata, di sicuro si proverà a fare un innesto in mezzo al campo. Chissà in attacco, ma a meno di grandi numeri in termini di gol di Morata e Kaio Jorge una operazione si tenterà. Anche se le casse del club non permettono voli pindarici. Bisognerà agire con il bilancino e magari spalmare eventuali ingaggi su più anni”.

LEGGI ANCHE >>> Allegri, allarme rosso: Conte e Paratici schiantano la Juventus

Match con la Fiorentina caldissimo in campo e fuori: “Non bisogna illudersi, è un avversario lanciatissimo – aggiunge Bonsignore – Si è messo un punto importante ieri con lo Zenit, adesso bisognerà confermarsi in campionato. Siamo già all’ora o mai più. Lo scudetto è già andato, bisogna rimanere agganciati alla terza o alla quarta posizione, con tanti avversari in corsa. Vlahovic? Le big inglesi sono in vantaggio soprattutto per la capacità di spesa. Da parte della Juventus ci sono stati contatti, è un calciatore futuribile che piacerebbe tanto alla società, ma la sostenibilità economica dell’operazione è tutta da verificare. I discorsi da intavolare con la Fiorentina sono tanti, a gennaio sarebbe un colpaccio clamoroso ma non solo per la Juventus. Può pesare anche la rivalità storica tra le piazze, dopo gli affari Bernardeschi e Chiesa“.