Sheriff-Inter, Inzaghi alza la posta: “E’ decisiva” | E indica il pericolo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:44

La conferenza stampa di Simone Inzaghi prima di Sheriff-Inter: le parole dell’allenatore alla vigilia dell’impegno Champions

Terza in campionato, l’Inter occupa al momento anche il terzo posto nel gruppo D di Champions League. I nerazzurri sono a quattro punti, due lunghezze in meno di Sheriff e Real Madrid.

Inzaghi
Inzaghi © LaPresse

Proprio i moldavi saranno avversari della formazione di Inzaghi nella quarta giornata della competizione. Imperativo per i campioni d’Italia è portare a casa la vittoria che significherebbe sorpasso in classifica e ottavi di finale più vicini. Proprio alla vigilia di Sheriff-Inter, Simone Inzaghi parla nella consueta conferenza stampa: Calciomercato.it segue le sue dichiarazioni.

LEGGI ANCHE >>> Inzaghi guida il torello e carica l’Inter: le mosse anti-Sheriff, la scelta in attacco

SEGNALE UDINESE – “Contro Empoli e Udinese abbiamo fatto due buone partite con match insidiosi trasformati in gare semplici. Abbiamo fornito delle prestazioni solidi dove abbiamo concesso poco. Per un allenatore cambiare giocatori e vedere che i risultati arrivano comunque è il massimo. Ora ci attende una gara decisiva contro lo Sheriff: dobbiamo farci valere anche in Champions”.

Sheriff-Inter, Inzaghi avvisa: “Serve equilibrio, occhio alla ripartenze”

Inzaghi
Inzaghi © LaPresse

ANDATA – “Era una partita decisiva come quella che ci attende domani. Abbiamo fatto un ottimo calcio ma anche visto le insidie che ci aspettano. Lo Sheriff non ha vinto per caso contro Real e Shakhtar. Servirà grande concentrazione ed equilibrio perché loro hanno dimostrato di essere bravi nelle ripartenze”.

VITTORIA – Inzaghi ribadisce: “E’ una partita decisiva: già dal sorteggio sapevamo che contro lo Sheriff serviva il bottino pieno. Ora pensiamo solo alla Champions anche se domenica abbiamo una partita importante per tifosi e società”.

ATTACCO – “Siamo il miglior attacco della Serie A, siamo una squadra a cui piace costruire e segnare. Dobbiamo continuare così, costruendo senza però perdere equilibrio”.