“Siamo noi i più forti!” Non ha paura della Juventus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:01

Inter-Juventus si avvicina, il derby d’Italia fatto di rivalità storiche, polemiche mai chiuse e ovviamente punti fondamentali in classifica

Archiviate le vittorie di Champions League, Inter e Juventus si proiettano al big match di domenica sera. A ‘San Siro’ andrà in scena un attesissimo derby d’Italia tra due squadre in buona salute, divise in classifica da appena tre punti, nonostante la partenza pessima dei bianconeri.

inter juventus mazzola barella bentancur
Barella e Bentancur © Getty Images

LEGGI ANCHE >>> Inter-Juventus, che notizia per Allegri: recupero top

La squadra di Allegri però è risalita con una serie di vittorie consecutive, quella di Inzaghi ha subito un brusco stop con la Lazio ma con lo Sheriff ha subito ripresa la marcia. Per i nerazzurri non battere la Juve significherebbe rischiare di vedersi già allontanare molto il treno scudetto. Però la sfida con la Vecchia Signora racchiude aspetti non solo strettamente legati alla classifica. A raccontarli è stato Sandro Mazzola, ex storico giocatore dell’Inter: “Furino mi marcava sempre, era fortissimo. Anche quando eravamo in Nazionale mi menava tanto. Chi correva di più tra Rivera e Corso? Bella lotta, però penso Rivera. Corso aveva delle sterzate incredibili, era un fenomeno”.

Inter-Juve, Mazzola: “Noi più forti, Barella può fare la storia nerazzurra”

barella dzeko inter juventus
Barella e Dzeko © Getty Images

Mazzola, intervenuto a ‘Radio Punto Nuovo’, dice la sua: “Inter favorita, vorrei ben vedere. Siamo più forti! Ho fiducia nei nerazzurri, vedo che si guardano e mi piace ancora questa squadra. Non ho paura degli arbitri, se i giocatori sono preparati e attaccano gli avversari nel modo giusto non c’è problema”. L’ex campione nerazzurro torna poi anche sulla vicenda Calciopoli: “Sentivamo le voci, ma non ci accorgevamo di ciò che accadeva”.

Ma da dove nasce l’astio interista nei confronti della Juve? “Dal fatto che i bianconeri vincevano. Io feci l’esordio per una protesta contro la Juventus. Quando dissi a mio padre che non potevo andare a scuola perché avevo la mia prima partita in Serie A, mia mamma mi disse di no e che dovevo prima andare in classe a fare l’interrogazione. Barella – racconta Mazzola – può scrivere la storia dell’Inter, ha tutte le qualità. Sarà dura, però sarebbe veramente bellissimo”.