CMIT TV | Rivoluzione Roma: “Licenziamento immediato o dimissioni!”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:50

La Roma crolla totalmente sotto i colpi del Bodo/Glimt: sul balco degli imputati Mourinho e soprattutto Tiago Pinto

La Roma esce dalla Norvegia con un risultato storico per quanto negativo. Il 6-1 subito in casa del Bodo/Glimt in Conference League, è destinato inevitabilmente a restare negli annali giallorossi e a lasciare strascichi anche in campionato. Domenica c’è il Napoli, Mourinho deve sperare nei suoi titolari, visto che il resto della panchina è stato ripetutamente bocciato.

camelio roma cmit tv pinto mourinho

Ma in una serata del genere, con le dichiarazioni reiterate dello Special One sulla mancanza totale di alternative, sul banco degli imputati ci finisce sia Mourinho che Tiago Pinto. Il gm della Roma ha speso 100 milioni di euro sul calciomercato estivo, ma la rosa ha ancora diverse falle.

LEGGI ANCHE >>> Roma, contestazione dopo l’umiliazione col Bodo: confronto squadra-tifosi

CMIT TV | Camelio: “La Roma deve licenziare Tiago Pinto. Anche Mourinho colpevole!”

tiago pinto roma mercato conferenza

LEGGI ANCHE >>> Roma, Mourinho: “La formazione iniziale è inferiore al Bodo”

L’ex Benfica, in particolare, per molti è colpevole di un mercato fatto di buoni colpi sì, ma anche di parecchie mancanze. Sulla fascia destra non ci sono piani B a Karsdorp, a centrocampo nessuno con le caratteristiche gradite da Mourinho. Alla CMIT TV, nel postpartita dei giallorossi, il giornalista di ‘Radio Radio’ Enrico Camelio è stato durissimo con Tiago Pinto: “La Roma deve mandarlo via, non è in grado di fare mercato. Ha speso 100 milioni di euro e mancano giocatori in 4-5 ruoli, ha fatto un disastro”.

Non solo: “Se lui fosse onesto dovrebbe dare le dimissioni, dicendo ‘ho fatto un disastro con 100 milioni‘. Altrimenti la Roma dovrebbe ringraziarlo e rimandarlo a Lisbona, così si mette a palleggiare con Rui Costa. Uno bravo era Patrachi, mi disse che aveva preso Kumbulla a 13 milioni, ma più di quelli non valeva”. Infine la chiosa su Jose Mourinho e il fantasma Newcastle, che torna a essere concreto: “Al 70% finisce che, se continua così, se ne va al Newcastle. Se non gli fosse piaciuta la rosa, se ne doveva andare. Pinto deve essere licenziato e Mourinho il secondo colpevole: 60% colpa di Tiago e il resto di Mou”.