Italia-Svezia, scoppia il caso razzismo | Comunicato UFFICIALE: la FIGC risponde

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:10

Scoppia il caso razzismo dopo Italia-Svezia U21, dopo il comunicato ufficiale della Federcalcio svedese arriva quello della FIGC

Elanga ©Getty Images

La Svezia denuncia un presunto insulto verso il giovane attaccante Elanga, ma l’Italia smentisce subito con una nota ufficiale. Le due Federazioni si dividono sul tema razzismo all’indomani del match disputato a Monza. Chiaro il messaggio della Federcalcio azzurra: “In relazione a quanto riportato dalla Federcalcio svedese sul proprio sito e ripreso da alcuni Media, la FIGC smentisce nella maniera più assoluta che un calciatore della Nazionale Under 21, durante la gara Italia–Svezia disputata ieri a Monza, abbia espresso offese a sfondo razzista nei confronti di un avversario, episodio tra l’altro che, da quanto ci risulta, non è stato riscontrato dagli ufficiali di gara o dal delegato UEFA”.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

LEGGI ANCHE >>> Mondiali 2022: Italia-Svizzera, la decisione sull’Olimpico

Per avere aggiornamenti in TEMPO REALE sulle ultime di CALCIOMERCATO, ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM!

Il comunicato continua: “Auspicando che gli organismi competenti facciano chiarezza tempestivamente sul caso, come emerge dalle immagini televisive trasmesse da Rai 2 ieri e tuttora disponibili su RaiPlay, dopo il gol del pareggio, al 92’, due calciatori svedesi esultano a lungo per la rete realizzata e vengono richiamati dai calciatori italiani a riprendere il gioco velocemente. Ribadiamo che nessuna offesa a sfondo razzista è stata pronunciata prima, in quel momento o successivamente e che la FIGC tutelerà, in tutte le sedi competenti, la propria immagine e quella dei propri calciatori”.

NO AL RAZZISMO – “La FIGC, al contempo, ribadisce l’impegno profuso costantemente da tutto il calcio italiano e in particolare dalle Nazionali, attraverso numerose iniziative, per il contrasto al razzismo e condanna ancora una volta qualsiasi insulto discriminatorio o episodio di violenza”.