Crisi Juventus e calciomercato, così il club ha ‘tradito’ Allegri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:59

La Juventus pareggia in casa col Milan e prosegue la crisi di risultati, spunta l’annuncio sul futuro di Allegri

Gelate Juve e Roma, il tecnico avvisa: "Faremo di tutto per il rinnovo"
Massimiliano Allegri ©️Getty Images

Non si arrestano le critiche alla nuova Juventus di Max Allegri. Il ritorno del toscano, finora, non ha portato a netti miglioramenti, come dimostrano i soli due punti raccolti nelle prime quattro giornate di Serie A. Ieri, in casa contro il Milan, i bianconeri hanno mostrato un netto calo nel secondo tempo facendosi raggiungere sul pareggio da Rebic. Stamane, il noto giornalista Ivan Zazzaroni ha fatto il punto tra presente e futuro: “A Torino si parla da settimane di ricostruzione, non più di scudetto: ma il rinnovamento, che dovrebbe essere graduale, è reso ancora più complicato da un mercato al risparmio forzato e dalla perdita quasi fuori tempo massimo di Ronaldo. Per cui: indebolimento evidente”.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

LEGGI ANCHE >>> “Disastro Juventus”: la nuova polemica dopo il Milan

Per avere aggiornamenti in TEMPO REALE sulle ultime di CALCIOMERCATO, ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM!

Calciomercato Juventus, annuncio sul futuro di Allegri

La conferenza stampa di Allegri prima di Juventus-Milan
Allegri © Getty Images

LEGGI ANCHE >>> Pareggio indigesto per la Juventus: Allegri attacca la squadra

Zazzaroni ha proseguito la sua analisi sul club di Agnelli: “Allegri non aveva chiesto una punta, bensì un centrocampista con caratteristiche particolari. Sto parlando del trentaduenne Axel Witsel, impiegato nel Borussia Dortmund anche da centrale difensivo. Witsel non è arrivato, al suo posto è stato preso Moise Kean, sulle cui giovani spalle pesa l’inevitabile, ancorché imbarazzante, confronto con Cristiano – ha scritto il giornalista sul ‘Corriere dello Sport’ – L’unico alleato di Allegri potrebbe essere a questo punto il tempo, ma un club come la Juve non ne può concedere troppo”.