Donnarumma e Haaland alla Juventus, l’annuncio che scuote il calciomercato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:40

Federico Cherubini, dirigente della Juventus, ha fatto un annuncio di calciomercato su Donnarumma e Haaland

Haaland
Haaland © Getty Images

La nuova Juventus punta sui giovani. A spiegare le strategie di calciomercato è stato il dirigente Federico Cherubini, che ha parlato anche di Haaland: “Niente corsa per Haaland? Sì, seguendo l’ordine delle cose direi di sì, poi stiamo alla finestra e guardiamo se capitano delle opportunità – spiega a ‘Tuttosport’ – Non vorrei precludere niente a prescindere. Una cosa è certa: qualsiasi investimento andrà nella direzione di un profilo giovane. E’ completamente fuori dal nostro piano investire su altri giocatori».

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

LEGGI ANCHE >>> Addio Ronaldo-Juventus, Cherubini allo scoperto: “Qualcosa poteva andare meglio”

Per avere aggiornamenti in TEMPO REALE sulle ultime di CALCIOMERCATO, ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM!

Calciomercato Juventus, annuncio di Cherubini su Donnarumma e Haaland

Juventus Suarez Cherubini
Cherubini (foto Calciomercato.it)

LEGGI ANCHE >>> Addio ad ogni costo: occasionissima per la Juventus

Cherubini ha proseguito la sua disamina: “Rimpianto Haaland? Dico sì, sarebbe stupido rispondere in modo diverso. Tutto, però, va contestualizzato. Eravamo all’inizio del progetto della seconda squadra e la prospettiva che potevamo offrire ad Haaland era, ai suoi occhi, forse meno allettante, perché il circuito dei prestiti è un deterrente per i profili come il suo. Oggi saremmo attrezzati forse in modo diverso per far fronte alla domanda che ti pone un giocatore della sua età, cioè: che prospettive ho, firmando per voi?”.

DONNARUMMA – “La Juventus ha un portiere con un contratto lungo e un’affidabilità nella quale continuiamo a credere. Per cui abbiamo ritenuto che non fosse prioritaria la sostituzione tra i pali e, per la logica delle scelte che stiamo facendo non avrebbe avuto senso fare quello che ha fatto il Paris Saint Germain. Cioè, non era opportuno creare quella condizione con due portieri importanti nello stesso organico”.