Calciomercato Roma, ESCLUSIVO Cenolli: “Xhaka un po’ dispiaciuto per non aver raggiunto Mourinho”

Mario Cenolli, membro dell’entourage di Granit Xhaka, ha parlato in esclusiva a Calciomercato.it in merito al mancato approdo alla Roma del mediano svizzero

Cenolli, membro entourage Xhaka

Per avere aggiornamenti in TEMPO REALE sulle ultime di CALCIOMERCATO, ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM!

Granit Xhaka doveva essere uno dei colpi della Roma di questo calciomercato estivo, invece alla fine – complice il mancato accordo tra i giallorossi e l’Arsenal – il centrocampista svizzero ha optato per la permanenza a Londra rinnovando pure il contratto fino a giugno 2024. Di Xhaka-Roma ne ha parlato in esclusiva a CMIT TV Mario Cenolli, membro dell’entourage del 28enne nativo di Basilea. Ecco le sue parole:

MANCATO ACCORDO – “Quando c’è una trattativa in ballo bisogna stare un po’ nel gioco perché ci sta, non vi si può scappare. C’era una trattativa in corso, Arsenal e Roma parlavano quasi tutti i giorni e alla fine non sono riuscite a trovare l’accordo. Quando l’Arsenal lo ha preso dal Monchengladbach lo ha pagato molti soldi e venderlo ad una cifra molto inferiore non andava giù ai ‘Gunners’, era giusto che qualunque squadra avrebbe dovuto pagare il prezzo richiesto”.

LEGGI ANCHE >>> PAGELLE E TABELLINO ROMA-FIORENTINA: Abraham di lusso, Igor-Milenkovic ko

Calciomercato Roma, sfuma definitivamente Xhaka | Lo svizzero ha firmato
Xhaka © Getty Images

VOLONTA’ XHAKA – “Lui ha grandissimo rispetto della Roma e di Josè Mourinho, ma noi dobbiamo capire che lui ha ancora due anni di contratto con l’Arsenal e si trova benissimo a Londra. I ‘Gunners’ hanno fatto la loro proposta che ha accontentato tutti e lui felicemente ha scelto di restare. C’è un po’ di dispiacere per non essere approdato da Mourinho dopo essere stato suo vicino di casa. Se fosse andato alla Roma non sarebbe andato comunque in una piccola, magari possiamo andare in giallorosso fra quattro anni (ride, ndr)”.

ALTRI CLUB – “C’erano altri club italiani, ma non si è concluso niente, il calcio in Italia non sta passando un gran momento dal punto di vista economica infatti non ci sono state super operazioni e nemmeno follie”, ha concluso Cenolli.