CMIT TV | Sacha Tavolieri: “Nonge-Juve, dettagli e caratteristiche tecniche”. Poi un retroscena

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:52

A CMIT TV, Sacha Tavolieri ha parlato di Joseph Nonge Boende, giovane acquisto della Juventus. Le informazioni del giornalista

La Juventus si è assicurata il giovanissimo talento belga Joseph Nonge Boende, centrocampista classe 2005 proveniente dalle giovanili dell’Anderlecht. Il primo a dare la notizia è stato il giornalista Sacha Tavolieri, che è intervenuto oggi a CMIT TV. Dalle sue caratteristiche tecniche ai dettagli sul trasferimento: ecco le dichiarazioni del giornalista belga a Calciomercato Show. Per avere aggiornamenti in TEMPO REALE sulle ultime di CALCIOMERCATO, ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM!

LEGGI ANCHE >>> CM.IT | Juve, affare fatto col Fuenlabrada: Gozzi parte in prestito

CHI È NONGE – “Ha firmato un contratto di tre anni. La settimana scorsa ha fatto le visite mediche al centro sportivo della Juve e giocherà con la Primavera. E’ un giocatore con caratteristiche particolare: è fisicamente grande, ma anche bravo tecnicamente. Ricorda il primo Pogba arrivato al Le Havre. È un mediano già ben strutturato fisicamente. Ha un fisico fuori dal comune, non di un sedicenne qualunque. Le sue qualità promettono bene. Dovrà crescere soprattutto dal punto di vista tattico: è un numero 6 che può giocare anche da numero 8. E’ molto bravo, deve capire cosa è l’Italia, cosa accade quando giochi alla Juventus. Ora abbiamo ancora un bambino, ride sempre: è bello da vedere e il carattere non sarà un problema”.

RETROSCENA – “C’erano tanti club su di lui. Ma lui voleva grandi competizioni. E poi c’è il punto di vista economico. Gli avevano detto di non andare alla Juve, ma ha scelto i bianconeri per il blasone e per disputare la Youth League. Si formerà alla Juve e crescerà, ha grandi potenzialità”.

Juvenuts, Tavolieri su Nonge: “Può ricordare Ramires”

ANDERLECHT – “L’Anderlecht credeva in lui, ma il progetto per lui non era molto chiaro. Ha avuto la possibilità di firmare da professionista, ma non lo ha fatto perché non era sicuro di poter giocare il tempo giusto. Poi per lui era anche una possibilità economica perché la Juve offre soldi che il club belga non poteva offrire”.

RAMIRES – “Oltre Pogba può ricordare anche all’ex Chelsea Ramires. Può giocare un po’ più alto rispetto al ruolo in cui è abituato. Manca ancora in zona gol. Per questo è importante affermarsi come calciatore e come uomo: quando arrivi in Italia, devi capire delle cose e alzare ancora di più il livello”.