L’Uefa vota all’unanimità la riforma Champions: ecco il nuovo format

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:17
pallone champions league
Pallone Champions League © Getty Images

Mentre nasce la Superlega e dodici dei principali top club europei sconvolgono il mondo del calcio, la Uefa continua con la sua riforma della Champions che oggi è stata votata all’unanimità

Il mondo del calcio è in pieno subbuglio. La neonata Superlega è pronta a sconvolgere totalmente questo sport nel modo in cui lo abbiamo conosciuto fino ad ora. Dodici top club europei hanno dato vita a una nuova competizione che inevitabilmente si scontra con i tornei Uefa, dalla Champions League all’Europa League. Quasi tutti i principali club europei hanno aderito andando in contrasto ovviamente con l’Uefa che invece ha continuato a fare le sue mosse.

Tutte le news di calciomercato e non solo: CLICCA QUI!

Uefa, ok unanime al nuovo format della Champions League

Non solo con il comunicato durissimo pubblicato ieri già prima dell’ufficializzazione della nascita della Super League, ma anche minacciando cause miliardiarie e intanto proseguendo con la riforma delle sue competizioni. Come previsto già da tempo, infatti, oggi si è riunito il comitato esecutivo dell’Uefa a Montreaux votando all’unanimità il nuovo format della Champions League. Il che vuol dire che il numero di squadre passerà da 32 a 36 squadre: come riporta L’Equipe, Inghilterra, Spagna, Germania e Italia manterranno quattro posti a testa e alla Francia ne andranno tre.

Nasser Al-Khelaifi (Getty Images)

LEGGI ANCHE >>> Superlega, le reazioni dei calciatori | Herrera e Ozil durissimi

Le 36 squadre sarebbero suddivise in quattro fasce secondo il ranking Uefa dando vita a una sorta di mini-campionato in cui ogni squadra disputerà 10 partite in gara unica. Poi spazio alla fase a eliminazione diretta tradizionale a cui si qualificheranno le prime otto direttamente e le altre otto attraverso spareggi andata e ritorno tra le squadre dal nono al ventiquattresimo posto. Il PSG, che non ha aderito alla Superlega, ha votato a favore. Per il patron Al-Khelaifi c’è ovviamente in gioco anche l’investimento fatto con beIN Media Group, la rete televisiva el Qatar che ha acquisiti i diritti tv della Champions League.