PAGELLE E TABELLINO INTER-ATALANTA | Super Handanovic, Ilicic non graffia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:41
Rinvio Inter Sassuolo, scoppia la polemica social:
Inter © Getty Images

Pagelle e tabellino di Inter-Atalanta, match di San Siro valido per la 26° giornata del campionato di Serie A. Skriniar regala i tre punti alla squadra di Conte

Vittoria fondamentale per l’Inter per proseguire la fuga nella corsa scudetto. Basta la fiammata di Skriniar alla formazione di Conte per piegare una bella Atalanta e volare nuovamente a +6 in classifica sul Milan. Handanovic salva i suoi su Zapata, mentre ad inizio ripresa è il difensore slovacco a colpire e ad indirizzare la gara in favore dei padroni di casa. Non basta l’ottima prova nelle retrovie di Djimsiti, Ilicic non fa la differenza entrando dalla panchina. Lukaku non segna ma lotta, non brillano invece Lautaro e VidalPer seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, Inter-Atalanta 1-0 | Una vittoria da scudetto

Le pagelle di Inter-Atalanta: Djimsiti non basta, male Lautaro

Inter Atalanta Lukaku
Lukaku e Djimsiti (Getty Images)

INTER

Handanovic 7  – Super riflesso prima dell’intervallo su Zapata. Vale quanto un gol! Nel finale reattivo anche su Muriel.

Skriniar 7 – Parte male, Zapata lo mette all’angolo in più di un’occasione. Ha però il merito di piazzare la zampata (pesantissima) da tre punti.

De Vrij 6,5 – Ci mette spesso una pezza, di fronte ad un peso massimo come Zapata. Sbroglia diversi potenziali pericoli.

Bastoni 6,5 – Non si fa sorprendere dagli inserimenti da dietro degli uomini di Gasperini. Partita di sostanza.

Hakimi 5,5 – Frenato dalla reattività di Gosens, stavolta non riesce a fare la differenza come dovrebbe. Ci può stare una serata meno brillante (85′ D’Ambrosio sv.).

Barella 6,5 – Ha un bel da fare in mediana: si rimbocca le maniche e dà il solito preziosissimo contributo alla squadra.

Brozovic 6 – Pessina lo limita nella fase d’impostazione. Meglio come scudo a protezione della linea difensiva (77′ Gagliardini sv.).

Vidal 5 – Al rientro da titolare, fatica davanti ad avversari che vanno a mille all’ora. Prova negativa, certificata dalla sostituzione di Conte: e il cileno non la prende bene… (52′ Eriksen (6 – Dà più qualità alla manovra, si fa valere anche in fase di non possesso).

Perisic 6 – Bada più a mantenere la posizione che ad aprire il fianco alle ripartenze dell’Atalanta (85′ Darmian sv.).

Lautaro Martinez 5 – Non è la sua serata, si vede subito. Non punge dalle parti di Sportiello e sbaglia diversi appoggi, beccandosi i rimbrotti di Conte e Barella (77′ Sanchez sv.).

Lukaku 6,5 – Fa paura quando parte palla al piede. Oggi non trova la collaborazione di Lautaro ed è costretto a fare per due lì davanti. Non timbra il cartellino, ma è comunque indispensabile per le alchimie contiane.

All. Conte 7 – Vittoria sporca e quindi ancora più preziosa. L’Inter non brilla come in altre occasioni, ma porta a casa tre punti fondamentali per continuare la corsa di testa. Successo da grande squadra, che sa soffrire e tenere botta nei momenti che contano.

ATALANTA

Sportiello 6 – L’Inter conclude poco nello specchio della porta. Non ha responsabilità sulla rete di Skriniar.

Toloi 6 – Attento a destra, Perisic non gli crea grossi grattacapi. Ne approfitta per sganciarsi di tanto in tanto.

Romero 6,5 – Puntuale negli anticipi, solita verve agonistica. Ha la meglio su un cliente scomodo come Lautaro. Sull’1-0 decisivo su Lukaku, lanciato a rete per il raddoppio.

Djimsiti 7 – Sono subito sportellate con Lukaku. Tempestivo già ad inizio gara sul cost-to-cost del belga. Tiene botta e non sbaglia un intervento: il migliore dei suoi (81′ Palomino sv.).

Maehle 5,5 – Certamente meno esplosivo rispetto a Gosens e anche poco preciso quando arriva al cross.

De Roon 6,5 – Diga di centrocampo, prezioso sia in copertura che in fase di transizione. Uno degli alfieri dello scacchiere di Gasperini.

Freuler 6,5 – Lucido e utile alla causa, aumenta i giri del motore in corso d’opera. Mediana d’acciaio con de Roon (81′ Pasalic sv.).

Gosens 6 – Quando parte è difficile da arginare. Sfonda nel primo tempo, ma nessuno è pronto a raccogliere la sua rasoiata. Vince ai punti il duello con Hakimi, anche se cala nella ripresa.

Pessina 6 – Equilibratore della ‘Dea’ di Gasperini, imbriglia Brozovic in regia. Gli manca però la fiammata (73′ Miranchuk 5,5 – Fatica ad entrare in partita).

Malinoskyi 5 – Un paio di intuizioni all’inizio, ma è un fuoco di paglia. Non fa male con il suo sinistro e va fuori all’intervallo (46′ Ilicic 5 – Qualche lampo qua e là, ma senza cattiveria. Non riesce a fare la differenza).

Zapata 6,5 – Non demerita, fa reparto da solo di fronte ai baluardi di Conte. Handanovic gli strozza in gola la gioia del gol sul finire della prima frazione. Il suo sacrificio non viene premiato. Costretto al cambio per un problema fisico (70′ Muriel 6 – Appena entrato è subito velenoso. Un po’ tardivo il suo ingresso in campo).

All. Gasperini 6 – L’Atalanta fa la partita, ci prova per 90 minuti ma non basta. Gli orobici vengono beffati dal gol di Skriniar: forse avrebbe meritato un punto, anche se alcune scelte di formazione non convincono del tutto.

Arbitro: Mariani 6,5 – Serata piuttosto tranquilla, tiene in pugno la gara.

TABELLINO

Inter-Atalanta 1-0
54′ Skriniar

Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni; Hakimi (84′ D’Ambrosio), Barella, Brozovic (77′ Gagliardini), Vidal (46′ Eriksen), Perisic (84′ Darmian); Lukaku, Lautaro Martinez (77′ Sanchez). Allenatore: Antonio Conte
A disposizione:Radu, Ranocchia, Kolarov, Young, Vecino, Sensi, Pinamonti

Atalanta (3-4-1-2): Sportiello; Toloi, Romero, Djimsiti (81′ Palomino); Maehle, de Roon, Freuler (81′ Pasalic), Gosens; Pessina (73′ Miranchuk); Malinoskyi (46′ Ilicic), Zapata (70′ Muriel). Allenatore: Gianpiero Gasperini
A disposizione: Gollini, Rossi, Caldara, Ruggeri, Ghislandi, Kovalenko, Lammers

Arbitro:Mariani (sez. Aprilia)
VAR: Valeri
Ammoniti: Conte (I), Romero (A)
Espulsi:
Note: recupero 1′ e 4′