Calciomercato Juventus, annuncio Buffon: “Ritiro? Ecco quando”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:25
Calciomercato Juventus Buffon ritiro
Gianluigi Buffon (Getty Images)

Calciomercato Juventus, lunga intervista di Buffon al ‘Guardian’: il portiere bianconero si racconta e parla della data del suo ritiro

Una lunga intervista al ‘Guardian’, in cui mettersi a nudo e raccontarsi e parlare del suo futuro. Gianluigi Buffon si è concesso su ‘Zoom’ alle domande di Nicky Bandini, storica firma del quotidiano inglese, affrontando svariati temi. Tra cui quello della prosecuzione della sua avventura in campo, tema di stringente attualità.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

LEGGI ANCHE >>> Juventus-Crotone, Buffon tra fascia e rinnovo | Il segnale di Agnelli

Calciomercato Juventus Buffon ritiro
Gianluigi Buffon (Getty Images)

Calciomercato Juventus, Buffon e il ritiro: “Nella mia mente c’è una data”

Alla redazione di Calciomercato.it, l’agente di Buffon aveva fissato una data per parlare del suo rinnovo con la Juventus. L’estremo difensore fa di più e ammette di aver pensato a quando smettere, anche se la carta d’identità per lui nonostante i 43 anni è relativa. “Nella mia testa, c’è una data, un massimale, che è giugno 2023 – spiega – E’ davvero il massimo a cui mi spingerei. Ma potrei anche smettere tra quattro mesi. Ho imparato che non c’è nulla di certo nella vita. Di sicuro non pensavo che avrei giocato così a lungo, ma è una bella storia. E quando la Juventus mi ha richiamato, ho pensato che ci fossero altre pagine da scrivere”. Su Pirlo: “Con lui e Gattuso abbiamo fatto la strada insieme praticamente dal 1993. Penso che quando puoi condividere qualcosa come una coppa del Mondo, è un qualcosa che non può mai essere sciolto. Ho chiamato subito Pirlo mister la prima volta che l’ho rivisto da allenatore, è una questione di rispetto dei ruoli”.

Su come ha vissuto il lockdown lo scorso anno e sul suo passato: “Il primo mese è stato davvero bellissimo. Ho potuto dedicarmi a me stesso e alla mia famiglia come non era mai successo. Poi naturalmente con il passare del tempo la cosa si è fatta più pesante e sono iniziati i pensieri. Se tornassi indietro? Sicuramente mi darei alcuni consigli. Ma ricordo chi sono, e chi ero. C’è bisogno di fare delle esperienze, di commettere degli errori e di pagarne il prezzo”.