Sassuolo-Bologna, furia Mihajlovic | “Partita rovinata, c’è rabbia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:34
Sassuolo-Bologna, Mihajlovic:
Mihajlovic (©Getty Images)

Arrivano le parole di Sinisa Mihajlovic dopo il pareggio del suo Bologna contro il Sassuolo al Mapei Stadium

Sinisa Mihajlovic, allenatore del Bologna, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di ‘DAZN‘ dopo il pareggio per 1-1 al Mapei contro il Sassuolo. Di seguito, le sue parole: “Prevale la rabbia. Perché finché eravamo 11 vs 11 non c’è stata partita, poi l’espulsione ha cambiato tutto. Loro avevano supremazia, ma noi abbiamo rischiato poco e niente. Non riesco a capire perché uno prima non fischia neanche fallo, dopo tira fuori il rosso. Non riesco a capire, non lo so. Il fallo di Samir contro l’Udinese era dieci volte peggio, non fu neanche ammonito. Ha rovinato una partita, non c’era l’espulsione“.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, Sassuolo-Bologna 1-1 | Caputo risponde a Soriano nel derby emiliano

Sulla partita – “Anche con l’Udinese eravamo in dieci per 60′ e abbiamo preso gol gli ultimi minuti. Spero che non succeda troppo spesso di restare in dieci, ma dobbiamo cercare di giocare di più. Abbiamo preso un gol evitabile, non siamo fortunati perché i rimpalli premiano sempre gli altri. Mi spiace solo che dopo 20′ abbiamo giocato in dieci. Com’erano partiti poteva andare diversamente. Nelle ultime due partite potevano arrivare sei punti, invece ne è arrivato solo uno”.

Su Skov Olsen – “Skov è un giocatore offensivo, ma rispetto a Orsolini è più concentrato e ha più gamba. Lui è uno che può fare la differenza in avanti, ma oggi si è sacrificato come tutti gli altri, hanno dimostrato di essere una squadra. Se fossimo rimasti in undici, chissà”.

Sulle prestazioni e la stagione del Bologna – “Le prestazioni le abbiamo sempre fatte. Col Benevento non abbiamo avuto il nostro solito atteggiamento mentale. Il nostro ulteriore step da fare era far diventare una prestazione buona, una prestazione vincente. Il nostro problema è più l’atteggiamento mentale che la questione tecnico-tattica. Lavoriamo su quello, in modo tale da conquistare risultati con continuità. So che possiamo fare di più, li vedo tutti i giorni in allenamento dove si allenano bene e stanno crescendo. Questa squadra merita di più, abbiamo avuto 7-10 infortunati e per una squadra come la nostra è difficile avere tanti Primavera in panchina. Alla fine faremo quello che dovremo fare”.