Napoli-Atalanta, Gattuso: “La messa già l’ho fatta. Ecco cosa ha avuto Insigne”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:19
Gattuso a Rai Sport

Le dichiarazioni rilasciate da Gennaro Gattuso dopo Napoli-Atalanta, match valevole per l’andata delle semifinali di Coppa Italia terminato col risultato di 0-0

Per il Napoli è come una vittoria lo 0-0 casalingo contro l’Atalanta nel match d’andata delle semifinali di Coppa Italia. Ospina e un avversario sprecone salvano Gattuso, intervenuto nel post gara al microfono di ‘Rai Sport’. Ecco le parole del tecnico azzurro: “Abbiamo avuto delle difficoltà, ora facciamo la conta e vediamo chi mettere in campo. Serve gente fresca. In questo momento siamo corti in avanti, ma sicuramente si poteva fare meglio in fase offensiva”. Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

LEGGI ANCHE >>> CM.IT | Benitez affascinato dalla chiamata del Marsiglia: lo spagnolo ci pensa

Napoli-Atalanta, Gattuso: “Sulla difesa a tre bisogna lavorarci un po’. Insigne botta al polpaccio e su De Laurentiis…”

Gattuso a Rai Sport

DIFESA A TRE – “Fatta perché c’è bisogno di gente fresca, adesso abbiamo difficoltà per giocare con un centrocampo a tre se mancano Elmas e Zielinski. L’abbiamo provata in un giorno e ci è andata bene. Non so se continuerò a utilizzarla, dipende da tante cose e poi bisogna lavorarci un po’. Di certo ci dà maggiore equilibrio in fase difensiva, mentre davanti perdiamo qualcosa“.

FUTURO – “Se mi aspettavo un tweet in più di De Laurentiis dopo quello di smentita su Giuntoli? Io la messa l’ho fatta e cantata già, ora parliamo di calcio altrimenti non ne veniamo più fuori”.

STATISTICA – “In Coppa Italia faccio sempre pareggi ma vado sempre avanti? Adesso mi sto toccando le parti di sotto (ride, ndr)…”.

INSIGNE – “Ha preso una botta al polpaccio, vediamo domani”.

MERTENS – “E’ in Belgio a fare le terapie, penso che ci vorrà ancora tempo”.

FABIAN RUIZ – “E’ ancora positivo, ma domani è il ventunesimo giorno e per cui potrà uscire di casa e tornare a Castelvolturno”.

PETAGNA – “Ingresso tardivo? Se si faceva male poi la prossima con chi la giocavo? Con Bruno Giordano (presente in studio, ndr)?