Crotone-Parma 2-1, la doppietta di Messias condanna Liverani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:28

Vittoria fondamentale di Stroppa che trova tre punti pesantissimi in chiave salvezza

Vittoria fondamentale per il Crotone, che dopo il KO di Genova contro la Sampdoria si riprende e si riscatta subito con la vittoria contro il Parma: uno scontro diretto per la salvezza che permette agli Squali di trovare la seconda vittoria stagionale dopo quella con lo Spezia. Terzo risultato utile nelle ultime cinque partite e balzo in avanti a 9 punti, in attesa delle gare di Torino e Genoa.

LEGGI ANCHE >>> Parma, tegola Gervinho in vista del Crotone | Il report UFFICIALE

Parma che, invece, perde la seconda partita consecutiva e che non vince dal 2-1 al Genoa del 30 novembre, praticamente un mese fa: ora la panchina di Liverani inizia a non essere più tanto salda.

Crotone-Parma 2-1: è la serata di Messias

Gara praticamente decisa da Messias nel primo tempo: l’attaccante del Crotone al 25′ riesce a sbloccare la partita dopo una chance clamorosa per Karamoh, che sfiora il palo della porta difesa da Cordaz. Gol sbagliato, gol subito: Messias viene servito da Reca e di destro batte Sepe per il vantaggio. Il minuto dopo Karamoh ci riprova, ma prende in pieno il palo. Crotone che non perdona e che al 44′ raddoppia, sempre con il suo centravanti brasiliano: stavolta il lancio è di Pedro Pereira, dalla destra, stop di petto e pallonetto a scavalcare Sepe per il 2-0. Nella ripresa al 58′ il secondo gol stagionale di Kucka prova a riaprire la gara: stacco di testa dello slovacco, che approfitta dell’errore in copertura di Cuomo e supera Cordaz.

Crotone-Parma (Getty Images)

LEGGI ANCHE >>> DIRETTA Serie A, Crotone-Parma 2-1: Kucka accorcia – LIVE

Partita accesissima nel finale, con sei minuti di recupero condizionati anche da diversi infortuni e una serie di interventi dell’arbitro, con tanto di situazioni dubbie in entrambe le aree di rigore: a terra Cornelius da un lato e Vulic dall’altro, ma Maresca continua a far giocare fino al fischio finale, che arriva al 98′, dopo un’occasione nitida fallita da Kucka.