Cenolli a CMIT TV: “Due opzioni per Eriksen. Arsenal possibilità per Allegri”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:50
Mario Cenolli, agente e intermediario di mercato a CMIT TV

L’agente e intermediario di mercato Mario Cenolli ha parlato in esclusiva ai microfoni di CMIT TV di Eriksen e Allegri

Mario Cenolli, agente e intermediario di mercato, è intervenuto ai microfoni di CMIT TV per parlare della situazione dell’Arsenal, che si sta interessando ad alcune questioni ‘italiane’. Nello specifico, i Gunners potrebbero ingaggiare Massimiliano Allegri al posto di Mikel Arteta e sono anche interessati a Christian Eriksen. Cenolli ha chiarito proprio questi due aspetti sul quale il club londinese si sta focalizzando.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YOUTUBE!

CMIT TV, le parole di Cenolli su Allegri ed Eriksen

Eriksen (getty images)
Eriksen (getty images)

Cenolli ha parlato innanzitutto del trequartista dell’Inter, che a gennaio potrebbe lasciare Milano per tornare in Premier. Eriksen, tra l’altro, ha già vestito la maglia del Tottenham, storico rivale dell’Arsenal: “Penso che ci siano due opzioni per Eriksen: Arsenal oppure Paris Saint Germain. I Gunners hanno proprio bisogno di uno come lui visto che Ozil non giocherà più. Gli inglesi hanno solo giocatori fisici e non di fantasia, motivo per cui penso sia una cosa fattibile anche dal punto di vista economico con opzione a fine stagione. Arteta è uno a cui piacciono i calciatori così”.

LEGGI ANCHE >>> Bayer Leverkusen, si ritirano Lars e Sven Bender | UFFICIALE

L’Arsenal potrebbe poi cambiare allenatore, vista la pessima situazione in classifica con soli 14 punti conquistati in 14 giornate. E il candidato principale è proprio Allegri: “Se Arteta perde un’altra partita può saltare. Allegri? Qui all’Arsenal sono successe cose strane. È un grande allenatore -ha proseguito Cenolli a CMIT TV- ma bisogna capire se a lui interessa prendere una squadra già in corsa e peraltro in zona retrocessione. Sarebbe una grande cosa per Allegri venire a Londra ma non so quanto gli possa piacere questa situazione”.