Vasco, ESCLUSIVO Cordella: “Balotelli rimandato. Ci ho provato per Mandzukic e Khedira”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:21
Vasco, Esclusivo Cordella:
Fabio Cordella, prossimo Ds del Vasco da Gama

Il direttore sportivo internazionale in pectore del Vasco da Gama, Fabio Cordella, intervistato in esclusiva da Calciomercato.it: colpi futuri e talenti pronti per l’Europa

Dal prossimo 15 gennaio, il Vasco da Gama parlerà italiano. Sarà, infatti, Fabio Cordella il futuro direttore sportivo internazionale del club brasiliano, fedelissimo del nuovo presidente eletto Leven Siano. Dopo cinque anni in Ungheria, all’Honved Budapest, tre anni Royale Union Saint Gilloise, due anni all’Africa Sport d’Abidjan, uno al Lanciano e al Treviso, oltre ad essere stato docente per i direttori sportivi per conto della federazione Panamense dal 2013 al 2017, il dirigente si prepara a volare a Rio per iniziare questa grande avventura. “Sicuramente sono onorato ed emozionato, non è un club qualunque per storia – le sue parole, in esclusiva, a Calciomercato.it – È il secondo club più titolato al mondo dopo il Real Madrid, è qualcosa di spettacolare. Inizieremo ufficialmente la nostra avventura dal 19 gennaio, anche se già stiamo lavorando. Indubbiamente, come tutti sanno, per i trascorsi e la storia del club, visto che sono venti anni, a parte una parentesi 2011, che non vince nulla, la squadra deve lottare per andare in Libertadores e vincere il campionato. Questi sono i nostri obiettivi, lo dobbiamo ai venticinque milioni di tifosi di un club tra i più importanti del mondo, uno di quelli che ha più sostenitori dell’intero pianeta calcio”.

LEGGI ANCHE>>>Calciomercato Monza, Galliani accoglie Balotelli: “Merito di Raiola” | Le cifre

E sono tanti i talenti del Vasco da Gama pronti, in un futuro anche prossimo, a fare il grande salto in Europa: “Conosco perfettamente la rosa della squadra e tra i nomi più interessanti cito Bruno Gomes (19 anni, centrocampista), Gabriel Pec (ala destra, classe 2001), Talles Magno (18 anni, esterno destro d’attacco), Andrey (22enne centrale di centrocampo) e Lucão. Quest’ultimo è un ‘portierone’ – spiega Cordella ai nostri microfoni – È un fenomeno, fisicamente ricorda molto Dida. Ha solo 19 anni e sta già facendo vedere quello che vale in prima squadra. Ho ricevuto telefonate da agenzie inglesi, italiane, spagnole e non solo per tutti questi talenti di cui, sicuramente, sentiremo parlare”.

Da Balotelli a Mandzukic e Khedira: i colpi ‘europei’ per il Vasco di Cordella

Dopo la vittoria alle elezioni del prossimo presidente Siano, e la nomina del nuovo direttore sportivo internazionale in pectore, Fabio Cordella, si sono scatenati le voci sui possibili colpi europei del Vasco da Gama. In primis, si è parlato con insistenza di Mario Balotelli, fresco di firma col Monza di Berlusconi e Galliani nei giorni scorsi. “Devo precisare una cosa: Balotelli non è sfumato. Ha la volontà di venire a giocare al Vasco, potrà accadere alla fine del campionato di Serie B – la puntualizzazione di Cordella a Calciomercato.it – Spero faccia tanti gol, ma egoisticamente mi auguro che i brianzoli non salgano in Serie A perché vorrei portare Balotelli a Rio de Janiero a maggio. Se avessimo avuto possibilità di operare fin da subito, Mario sarebbe già in Brasile. Eravamo d’accordo su tutto, sul progetto e sulla questione economica. Adesso è concentrato sul Monza, perché è un professionista serio. Però il Vasco sarebbe una piazza pazzesca, se dovesse far bene da noi potrebbe tornare da protagonista in Europa. È un talento pazzesco, può giocare ovunque, ed è stato vicinissimo al Vasco”.

Vasco, Esclusivo Cordella: "Balotelli vicino. No da Mandzukic e Khedira"
Sami Khedira @ Getty Images

Ma nel mirino di Cordella, non c’è, però, solo Balotelli: “Ci ho provato per Mandzukic (svincolato dopo l’addio all’Al-Duhail, ndr), non lo nascondo, ma vuole tornare a giocare in Europa. Stesso discorso per Khedira (sotto contratto con la Juventus fino al 2021, ndr), per ora sono proiettati su questo. L’idea è quella di portare due o tre giocatori utili per dare smalto e motivazione ai giovani, qualche campione affermato può aiutarli a crescere”, ha concluso Cordella a Calciomercato.it.