Juventus, avviso di garanzia per Paratici: ecco cosa prevede l’articolo 371 bis

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:33
calciomercato Juventus Paratici Neres
Paratici (Getty Images)

Juventus, comunicato sull’avviso di garanzia per Paratici: uno sguardo a quello che è l’articolo 371 bis

Il comunicato della Juventus è stato diramato nel tardo pomeriggio: il club bianconero ha confermato che è stata notificata a Fabio Paratici un’informazione di garanzia e sul diritto di difesa. Il reato ipotizzato dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Perugia è esclusivamente l’articolo 371 bis del Codice Penale. La società piemontese ha ribadito il corretto operato del proprio dirigente.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YOUTUBE

L’avviso di garanzia è l’atto che serve a informare la persona interessata circa la sua iscrizione nel registro degli indagati. È necessario quando gli inquirenti ritengono di dover svolgere un atto garantito, a cui dovrà essere presente anche il legale, come per esempio un interrogatorio. È importante sottolineare che si tratta di un atto relativo alla fase di indagine.

LEGGI ANCHE >>> Caso Suarez, ESCLUSIVO Chiacchio: “Ecco cosa rischia la Juventus”

Juve Ramos addio Real
Fabio Paratici (Getty Images)

Juventus, cosa dice l’articolo 371 bis

Ecco cosa afferma l’articolo 371 bis. “Chiunque, nel corso di un procedimento penale, richiesto dal pubblico ministero o dal procuratore della Corte penale internazionale di fornire informazioni ai fini delle indagini, rende dichiarazioni false ovvero tace, in tutto o in parte, ciò che sa intorno ai fatti sui quali viene sentito, è punito con la reclusione fino a quattro anni. Ferma l’immediata procedibilità nel caso di rifiuto di informazioni, il procedimento penale, negli altri casi, resta sospeso fino a quando nel procedimento nel corso del quale sono state assunte le informazioni sia stata pronunciata sentenza di primo grado ovvero il procedimento sia stato anteriormente definito con archiviazione o con sentenza di non luogo a procedere”.

LEGGI ANCHE >>> Caso passaporto Suarez: “Nuove ipotesi di reato”