CMIT TV – Juventus, Donati all’attacco: “Dybala va messo in condizione”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:20
Donati a CMIT TV

Questa sera ai microfoni di CMIT TV è intervenuto anche l’ex centrocampista Massimo Donati che ha analizzato la situazione della Juventus

Massimo Donati è stato ospite questa sera nel consueto appuntamento con CMIT TV per analizzare il pari della Juventus: “Ci sono tanti problemi e dirò solamente i maggiori. Manca equilibrio, manca un uomo come Pjanic, bravo a giocare ma anche intelligente. Può essere anche dovuto al modulo. Secondo problema è che chi attacca è già sulla linea dei difensori. Con due dietro e tutti alti ad aspettare il pallone non va bene. Dybala è un fenomeno, però è compito dell’allenatore tirare fuori il meglio di lui e di tutti i calciatori. Va messo nelle condizioni tattiche e mentali per fare questo. Adesso non sente la fiducia massima, non c’è un problema Dybala, il problema è non farlo esprimere. Poi ci sono tre mancini come Kulusevski, Dybala e Bernardeschi, che secondo me deve giocare a destra. E manca anche Douglas Costa che in venti minuti ti spaccava le partite. Dybala non si sente un punto fermo e fondamentale per la squadra, se lo fai sentire così, è un giocatore che ti risolve le partite anche alla Juve. Quando è arrivato a Palermo era ancora un ragazzino, quindi non era ancora pronto. Poi ha avuto la forza fisica e mentale per arrivare alla Juve e lo ammiro per questo. Ha bisogno di una società, di un allenatore che lo facciano sentire veramente importante”.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube >>>CLICCA QUI

CONTE – “Le parole di Conte sulla società? Dice quello che la gente vuol sentir dire. Sono spesso parole a protezione della squadra, è normale che sia così. Se perde le partite attacca, se vince si difende. L’Inter è una grande squadra e deve solamente trovare continuità per vincere lo scudetto. Ha un grande allenatore e una grande rosa”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Benevento-Juventus, l’analisi di Pirlo: dalla Ronaldo-dipendenza a Kulusevski