Juventus-Napoli, resta il 3-0 a tavolino: le ultime di CM.IT

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:44
Agnelli De Laurentiis (Getty Images)

Le ultime news Juventus e Napoli si concentrano sulla sentenza di oggi che confermerà il 3-0 del club di Agnelli su quello di De Laurentiis

Impedimento per causa di forza maggiore: questo, secondo quanto appreso da Calciomercato.it, il concetto che il Napoli esprimerà tra poche ore in Corte d’Appello FIGC, di fronte alla prima sezione presieduta dal professor Piero Sandulli. Un’inversione rispetto alla difesa in primo grado, quella sostenuta davanti al giudice Gerardo Mastrandrea della Lega Serie A, dove il club azzurro ha fatto ricorso contro la regolarità della gara. Tesi definita inammissibile con conseguente 3-0 a tavolino a favore della Juventus e punto di penalizzazione.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, Dybala irresponsabile e Pirlo è Ronaldo-dipendente

Sentenza Juventus-Napoli, la Figc fa valere le sue regole: De Laurentiis va al Coni

licenze uefa figc
Logo Figc © Getty Images)

Come già vi abbiamo anticipato la scorsa settimana, il Napoli avrà poche chance di ribaltare in secondo grado la sentenza di Mastrandrea: ora, siamo in grado anche di anticiparvi i motivi che dovrebbero condurre Sandulli a giudicare in modo tale da mantenere il 3-0 a favore della Juventus, con il Napoli che si rivolgerà, immediatamente al Coni ed al suo tribunale, ottenendo entro Natale il terzo ed ultimo giudicato sportivo. Secondo quanto raccolto dalla nostra redazione, l’avvocato del club azzurro, Mattia Grassani, con De Laurentiis collegato in teleconferenza, sosterranno che il provvedimento della ASL partenopea è tale da configurare la suddetta causa di forza maggiore. E l’ordinamento statale è superiore a quello interno della Figc. Infatti, seguendo un iter giurisprudenziale, un giudice dovrebbe sempre disapplicare la norma di rango inferiore: in questo caso, quella della Federcalcio. Trattandosi, però, di un giudice interno alla stessa Figc, è verosimile che il professor Sandulli sia tenuto ad applicare la norma del proprio ordinamento. Ed è questo lo stesso motivo per il quale, il Napoli pensa di poter ottenere al Coni il ribaltamento della sentenza scritta in primo grado.

LEGGI ANCHE >>> Napoli, la vittoria non basta. Gattuso: “Questo andazzo non mi piace”