Inter-Parma, furia Conte: “Non mettetemi parole in bocca che non ho detto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:50
Conte inter parma
Antonio Conte

Le parole di Antonio Conte al termine di Inter-Parma: il tecnico nerazzurro commenta le prestazione della squadra

Il tecnico dell’Inter Antonio Conte ha parlato a ‘Sky’ al termine della partita pareggiata contro il Parma. “Partita sofferta per il risultato – ha affermato -. Non è la prima gara dominata e che abbiamo rischiato di perderla. Nel calcio se non fai gol, quanto meno non vinci la partita. Abbiamo sbagliato tantissimo e questo non va bene. Dobbiamo far gol, serve più cattiveria e determinazione. Il Parma l’ha avuta: due occasioni e hanno fatto gol. Visto che non è la prima volta che accade, è giusto parlarci: se non fai gol, paghi le conseguenze”.

FASE OFFENSIVA – “Quando crei tantissime occasioni, significa che la fase offensiva è stata buona. La fase offensiva prevede tanti uomini, il problema è che per l’ennesima volta abbiamo creato tanto ma siamo stati imprecisi e poco determinati. E’ il motivo per cui stiamo parlando oggi di un pareggio. Ho poco da dire sull’impegno, ma serve anche più determinazione, più precisione, più tutto: potevamo fare molto meglio nella fase offensiva. Il Parma è stato perfetto: due tiri, due gol”.

LEGGI ANCHE >>> Inter-Parma, Marotta denuncia: “Errore chiaro, c’è vuoto normativo”

FASE DIFENSIVA – “Chi perde la palla deve avere una reazione e cercare di riprenderla. Qui non reagiamo (si riferisce a Lautaro, ndr), stiamo fermi e ci lamentiamo”.

BATTIBECCO CON LO STUDIO – “Non sto parlando di giocatori molli, non travisiamo cosa dico. Abbiamo fatto una fase offensiva molto importante. Non sto parlando di mollezza: non mettetemi parole in bocca che non ci stanno”.

GOL FATTI E SUBITI – “Se non segni, non vinci. Spesso le squadre non ci tirano in porta o quando ci tirano in porta hanno una percentuale realizzativa molto alta: è successo con il Parma, con il Borussia. Partite come queste che stradomini, devi vincerle”.

CASA E TRASFERTA – “Non c’entra niente, non c’è differenza, giochiamo senza pubblico. Oggi tutte le squadre cercano di giocarsi la partita. Certo poi il Parma ha cambiato sistema di gioco per limitarci e aveva fatto lo stesso lo Shakhtar. Significa che ci rispettano molto”.

ARBITRO – “Penso che è giusto che i dirigenti, se hanno qualcosa da dire, lo dicano”.