Roma, UFFICIALE: accordo tra Pallotta e Friedkin, i dettagli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:27
Cessione Roma Pallotta Friedkin
Pallotta (Getty Images)

L’accordo per la cessione della Roma da Pallotta a Friedkin è stato ufficializzato con un comunicato: tutti i dettagli

“ASRoma.com conferma che questa notte è stato raggiunto un accordo tra AS Roma SPV, LLC, l’azionista di maggioranza di AS Roma S.p.A, e il Friedkin Group per la vendita del Club”: inizia così il comunicato della società giallorossa che ufficializza il passaggio di proprietà del club.

Come si legge nel comunicato inviato alla CONSOB, è stato sottoscritto un “accordo vincolante di acquisto di azioni con The Friedkin Group, Inc. (“Friedkin”) ai sensi del quale, tra le altre cose, AS Roma SPV cederà a Friedkin la sua partecipazione di controllo detenuta nel Club e alcune attività correlate, compresi i fondi che ha messo a disposizione del Club per supportare la sua prevista capitalizzazione, e Friedkin assumerà alcune passività relative al Club”.

In particolare verrà ceduto a Friedkin “l’intera partecipazione detenuta da AS Roma SPV nel Club pari all’86,6% del capitale sociale del Club, di cui una partecipazione diretta del 3,3% del capitale sociale del Club e di una partecipazione indiretta dell’83,3% detenuta da AS Roma SPV attraverso la sua controllata NEEP Roma Holding S.p.A., per un prezzo di acquisto pari a Euro 0,1165 per azione. Più in generale, l’Operazione prevede che Friedkin acquisisca, oltre al 100% del capitale azionario di NEEP, anche il 100% del capitale sociale di ASR Soccer LP S.r.l. e il 100% del capitale azionario di ASR Retail TDV S.p.A. L’Operazione è valutata in circa 591.000.000 di Euro”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Roma, Biafora: “Con Friedkin non è escluso ritorno di Petrachi”

Friedkin
Friedkin (Getty Images)

Roma, UFFICIALE la cessione: le parole di Friedkin

La ratifica definitiva dovrebbe concludersi entro la fine di agosto 2020. In particolare si legge che “in base a determinate condizioni, AS Roma SPV ha il diritto di risolvere gli accordi sottoscritti e trattenere l’importo versato in deposito a garanzia come commissione di risoluzione, nel caso in cui l’Operazione non si concluda entro il 17 agosto 2020 o prima di tale data, e tale termine non sia esteso da AS Roma SPV. Inoltre, fatte salve determinate condizioni, sia AS Roma SPV che Friedkin hanno il diritto di risolvere l’accordo sottoscritto senza trattenere alcuna commissione di risoluzione, nel caso in cui l’Operazione non si concluda entro il 31 agosto 2020”.

Completata l’operazione Friedkin avrà l’obbligo di lanciare “un’offerta pubblica obbligatoria sulle azioni in circolazione del Club (che rappresentano circa il 13,4% del capitale sociale del Club) ai sensi delle leggi e dei regolamenti applicabili”.

Pallotta si è detto “lieto di confermare che abbiamo raggiunto un accordo con il Friedkin Group”, mentre Dan Friedkin ha dichiarato: “Noi tutti al Friedkin Group siamo felici di aver fatto i passi necessari a diventare parte di questa città e club iconici. Non vediamo l’ora di chiudere l’acquisto il prima possibile e di immergerci nella famiglia dell’AS Roma”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Roma, per l’esterno sfida alla Juventus