Milan-Juventus, il messaggio di Pioli: “Sto troppo bene con la mia squadra”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:13
DIRETTA Serie A, Milan-Cagliari | Segui la cronaca LIVE
Stefano Pioli @ Getty Images

Le parole di Stefano Pioli al termine di Milan-Juventus: il tecnico rossonero commenta il successo in rimonta contro i campioni d’Italia

Incredibile successo del Milan contro la Juventus. I rossoneri rimontano due gol di svantaggio e si impongono 4-2. Al termine del match a ‘DAZN’ Stefano Pioli commenta così la vittoria: “I complimenti li giro ai miei giocatori, stanno dimostrando uno spirito incredibile, hanno voglia di essere squadra anche nelle difficoltà. Sono stati premiati da un grande risultato e una grande vittoria”.

TESTA – “Il lavoro quotidiano, portare avanti le nostre idee, raggiungere un obiettivo importante. Fino a poco tempo fa la classifica non rispecchiava le nostre qualità e non ci siamo mai demoralizzati, anzi ci siamo compattati, abbiamo pensato solo a lavorare. La squadra sta bene, chi gioca è pronto. Sono contento, anche se non abbiamo fatto niente: ci giochiamo tutto nei prossimi venti giorni e dobbiamo pensare subito al Napoli. Soddisfazione sì, ma grande concentrazione e attenzione. Tutto quello che stiamo facendo va ancora migliorato. In passato abbiamo pagato un dazio superiore a quel che meritavamo”.

LEGGI ANCHE >>> PAGELLE E TABELLINO MILAN-JUVENTUS: Ibra suona la carica, Bonucci da horror

FUTURO – “Lo dico sinceramente: non penso al 3 agosto ma al Napoli e a stare con i miei giocatori. Siamo diventati squadra, conosciamo pregi e difetti e non penso a quel che accadrà: sto troppo bene con la mia squadra, quel che sarà, sarà. Non sono concentrato sul futuro ma voglio finire bene questo campionato: per il lavoro che stiamo facendo sarebbe giusto toglierci qualche soddisfazione. Meritarmi il posto? Mi aspetto di finire bene il campionato e di centrare l’obiettivo per cui ci hanno chiamato. Oggi è 7 luglio, non penso al 3 agosto. Mi piace quello che fatto, mi piace trovare una squadra con cui sto bene ed ora l’ho trovata: non sto pensando al mio futuro perché è troppo importante questo periodo. si gioca spesso, il dispendio di energia è tanto anche per noi allenatori e non posso spenderle pensando al futuro”.

RIMONTA – “Siamo stati bravi a sfruttare l’episodio del rigore: abbiamo ritrovato entusiasmo e convinzione. Dispiace per i due gol presi, potevamo difendere meglio. La partita era equilibrata, nella ripresa eravamo partiti bene ma ci siamo fatti sorprendere. E’ la mentalità della squadra che sta facendo la differenza”.